Cabtutela.it
acipocket.it

Si avvicina l’ipotesi di un referendum per decidere se approvare o meno il taglio dei parlamentari votato dalla Camera e dal Senato. Questo pomeriggio è stato raggiunto il quorum delle 64 firme dei senatori  stabilito in un quinto dei componenti dell’assemblea di Palazzo Madama (vale lo stesso principio per ognuna delle due aule parlamentari). L’ultimo firmatario è stato Francesco Giacobbe, esponente del Pd eletto in Australia. Il prossimo passo sarà la presentazione del documento in Cassazione, di fatto il taglio verrebbe momentaneamente bloccato.

Il disegno di legge costituzionale fu approvato lo scorso 8 ottobre: riduce i deputati a 400 dai 630 attuali ed i senatori a 200 dagli attuali 315, approvato a Montecitorio con 553 voti a favore, 14 contrari e due astenuti. Trattandosi di un disegno di legge costituzionale, era richiesta la maggioranza assoluta dei componenti dell’Assemblea, pari a 316 voti.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Un atto di coraggio da parte di questi parlamentari che non hanno avuto paura di essere additati dalla demagogia diffusa di essere difensori della casta o delle poltrone. Le ragioni economiche del taglio sono risibili e altre non se ne vedono. Una bandierina da sventolare per un movimento in profonda crisi di consenso.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui