Cabtutela.it

Sono 2843 le famiglie residenti a Bari che riceveranno i contributi integrativi per il sostegno alle abitazioni in locazione anno 2019 – competenza 2018. La graduatoria provvisoria stilata dalla ripartizione Patrimonio è disponibile sul sito istituzionale, a questo link. I beneficiari sono suddivisi in due fasce di reddito: 1832 in fascia A (reddito non superiore a 13mila euro l’anno), 1011 in fascia B (reddito fino a 15mila euro), mentre sono 385 gli utenti non aventi diritto. L’investimento pubblico complessivo è di 5 milioni di euro.

La classifica è stata predisposta secondo un principio di gradualità, in modo da favorire i nuclei familiari con redditi bassi. In caso di parità di redditi è stata data precedenza ai nuclei familiari che presentano un’elevata soglia di incidenza del canone sul reddito, distinguendo esplicitamente i concorrenti della fascia a) e il relativo importo, da quelli della fascia b) e il relativo importo.

L’erogazione dei contributi è condizionata al trasferimento dei fondi da parte della Regione Puglia. In ogni caso il contributo non verrà erogato qualora l’importo da liquidare sia inferiore ad una mensilità del canone di locazione di ciascuno dei concorrenti.

Entro l’11 febbraio 2020 gli esclusi, che in ogni caso riceveranno comunicazione all’indirizzo indicato sulla domanda di partecipazione al bando, possono inoltrare opposizione avverso la graduatoria, presentando osservazioni, controdeduzioni e/o memorie scritte, eventualmente corredate da documenti, all’Agenzia per la Casa – ripartizione Patrimonio del Comune di Bari:

a) mediante posta elettronica certificata all’indirizzo: patrimonio.comunebari@pec.rupar.puglia.it

b) mediante raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata all’Agenzia per la Casa –ripartizione Patrimonio del Comune di Bari – viale Archimede 41- Bari (farà fede la dat del timbro postale di spedizione). Sulla busta dovrà essere riportata la dicitura: “Bando contributo alloggiativo anno 2019 – competenza 2018 – OPPOSIZIONE”.

Si precisa che la mail spedita da una casella di posta non certificata non potrà essere presa in considerazione. Non saranno inoltre accettate le opposizioni, anche se inoltrate attraverso posta elettronica certificata (PEC), inviate ad indirizzi di posta elettronica diversi dalla casella di posta certificata della ripartizione Patrimonio (patrimonio.comunebari@pec.rupar.puglia.it). Nell’oggetto della mail dovrà essere riportata la dicitura: “Bando contributo alloggiativo anno 2019 – competenza 2018 – OPPOSIZIONE”.

Lo sportello, per tutte le opportune informazioni, sarà disponibile presso l’Agenzia per la Casa, ripartizione Patrimonio, in viale Archimede 41, a partire da giovedì 23 gennaio, tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle 12.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui