Cabtutela.it

Con l’avvio della Fase 2 e l’allentamento delle misure restrittive a partire dallo scorso 4 maggio, non tardano a farsi rivedere, a Bari, fenomeni di inciviltà che fino alle scorse settimane – complice il lockdown generale – sembravano solo un brutto ricordo.

E così accade che, ogni mattina, i residenti del quartiere Libertà si ritrovino a fare i conti con la sporcizia e i rifiuti abbandonati per le strade da chi sembra ignorare puntualmente le normative anti-assembramento e le stesse buone norme dettate dal più comune senso civico.

La segnalazione giunge, in particolare, da un utente che pubblica sulla pagina Facebook del sindaco Antonio Decaro le foto di Piazza Risorgimento, in cui bottiglie di birra vuote sono protagoniste della scena, tra panchine e marciapiedi. Stessa situazione di sporcizia e degrado per le piccole aiuole della piazza, ricoperte di rifiuti e di bottiglie di plastica.

Scene che destano preoccupazione alla cittadinanza non solo dal punto di vista igienico e del decoro urbano ma anche perché testimoniano attività di assembramento che la gestione dell’attuale emergenza sanitaria non può permettere in alcun modo.  “Questo è lo spettacolo che si presenta ogni mattina su Piazza Risorgimento – è la denuncia dell’utente, che esprime la sua richiesta di aiuto al primo cittadino – Sindaco, siamo sicuri che non si possa fare proprio niente?”.

(Foto: utente su pagina Facebook Antonio Decaro)

Foto: utente su pagina Facebook Sindaco Antonio Decaro
Foto: utente su pagina Facebook Sindaco Antonio Decaro
Foto: utente su pagina Facebook Sindaco Antonio Decaro

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui