Cabtutela.it
acipocket.it

Sarà ultimata entro la fine della prossima settimana, in 15 giorni, la pista ciclabile light di corso Vittorio Emanuele, nel centro di Bari. Il progetto dedicato alla mobilità sostenibile post lockdown da Covid-19, voluto dal sindaco Antonio Decaro, prevede i percorsi per bici e monopattini senza l’obbligo di installare cordoli da 50 cm di gomma o calcestruzzo ma semplicemente con la segnaletica verticale e orizzontale.

Per agevolare il transito all’incrocio tra corso Vittorio Emanuele e corso Cavour sono stati eliminati due posti auto e l’area per la sosta degli scooter è stata spostata sul lato opposto della carreggiata. I contenitori della raccolta rifiuti sono stati spostati di circa 2 metri per far spazio alla ciclabile, occupando lo stesso spazio rispetto al passato. Col nuovo modello di viabilità le fermate degli autobus Amtab occupano il centro della corsia e rallentano inevitabilemente il traffico (foto anteprima).

Le ciclabili light saranno replicate su 57 km di percorsi urbani. Con il prossimo cantiere è previsto sotto il faro di San Cataldo, sul lungomare Starita, a seguire i lavori interesseranno il lungomare Nazario Sauro. Sul tema l’associazione “#salvaiciclisti TerreDelSud” ha promosso una iniziativa invitando tutti i ciclisti urbani a monitorare i cantieri lungo i 57 km di ciclabili light. “L’emergenza Covid –  commentano – e il relativo distanziamento sociale ha creato enormi problemi per i posti limitati sui mezzi pubblici con il rischio di intasare il centro urbano di auto private e smog”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Non c’è differenza tra ieri ed oggi…ieri i bus si fermavano a “centro strada”per le auto parcheggiate in area di fermata o doppia fila, ed oggi per via della riduzione della corsia…quindi meglio oggi che non si crea la doppia fila…

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui