Cabtutela.it

Il Bari prova a ritrovare l’energia per rialzarsi dopo la sconfitta a Reggio Emilia contro la Reggiana nella finale play off per la B. A suonare la carica all’ambiente sportivo c’è l’attaccante Mirco Antenucci, tra i protagonisti della stagione (e della finale con un gol poi annullato), che con un post su Instagram ha fatto il bilancio dell’anno trascorso in Puglia.

«Sono arrivato a Bari circa un anno fa – ha scritto la punta, venti gol nel torneo appena concluso – con l’entusiasmo di un bambino con in mente un solo obiettivo… Qualcuno mi aveva preso per matto per quella mia scelta di giocare in serie C ma io sono ancora più sicuro di aver fatto la cosa giusta. Ho scelto una società seria. Mi sono sentito a casa da subito in una città che vive di calcio e in un gruppo di ragazzi straordinari che meritavano la promozione». «Ci siamo fermati lì all ultimo step e fa male. Ho visto tante lacrime – ha proseguito l’ex Spal – dopo la partita e il giorno dopo ancora perché ognuno di noi voleva festeggiare con una città intera». La conclusione di Antenucci: «Ora si stacca un po’ per poi ripartire più forti e carichi di prima con un solo obiettivo in testa. Non dobbiamo temere i momenti difficili, il meglio viene da lì».


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui