Cabtutela.it
acipocket.it

Nella mattinata di ieri, un bracciante agricolo ha chiamato il numero di emergenza 112 per segnalare una lite sorta con un suo confinante terriero, all’interno dei loro poderi, ubicati in agro di Acquaviva delle Fonti. L’uomo è stato quindi raggiunto dai militari della locale Stazione dei carabinieri che hanno raccolto le prime dichiarazioni della vittima, la quale ha riferito di aver subito una aggressione prima verbale e poi fisica da un suo confinante, abitante in  Rutigliano, non più presente sul posto perché si era già allontanato. A supporto delle dichiarazioni, l’uomo ha fornito anche un breve video, registrato con il suo telefonino, in cui viene immortalato l’aggressore mentre imbraccia un fucile tipo doppietta con canne mozze.

L’aggressore è stato rintracciato nel primo pomeriggio presso la sua abitazione. Le perquisizioni personali, veicolari e domiciliari, effettuate sia presso la sua abitazione sia all’interno dei poderi di proprietà non hanno però consentito di rinvenire il fucile modificato. La vittima ha dovuto ricorrere a personale sanitario per le lievi contusioni riportate durante l’aggressione.

Alla luce di tutti gli elementi raccolti, l’uomo è stato tratto in arresto per minaccia grave e lesioni personali aggravate e per il possesso non giustificato dell’arma modificata. L’arrestato è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria informata dell’accaduto.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui