Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Ricchi di sostanze nutritive e necessari per il benessere dell’intero organismo. Parliamo degli spinaci, vegetali appartenenti alla famiglia delle Chenopodiaceae.

Diventati famosi agli occhi dei bambini soprattutto per il conosciutissimo cartone animato in cui, il protagonista, Braccio di Ferro, diventava più forte ogni volta che li consumava, gli spinaci rappresentano un vero e proprio supporto per il benessere. Nello specifico, oltre a restituire vigore e forza in caso di stanchezza, grazie soprattutto alla quantità di ferro, gli spinaci sono anche ricchi di vitamina A e acido folico, ma non solo.

“Il principe degli ortaggi”, così definito dagli arabi che lo introdussero in Europa tra il 1200 e il 1300, sono anche ricchi di nitrato, sostanza utile per supportare l’aumento della forza dei muscoli e luteina, necessaria per la salute della retina e dunque degli occhi. Fonte preziosa di fibre, dunque utili per mantenere sano il transito intestinale, gli spinaci sono inoltre fonte di calcio, ferro e magnesio, dunque mineralizzanti e antianemici, oltre che ricchi di vitamina K e vitamina A. La somma di tutti questi nutrienti, non solo li rende un toccasana per la salute degli occhi, ma anche per quella di pelle, capelli, oltre che per patologie come arteriosclerosi e coronariche, soprattutto per le donne in stato di gravidanza.

Gli esperti consigliano di consumarli crudi, poiché la cottura in acqua rende più facile la dispersione dei minerali in essi contenuti. Non si esclude però la cottura al vapore, con del succo di limone come condimento, utile per ripristinare la concentrazione di vitamina C che si disperde durante la cottura.

Inoltre, gli esperti, soprattutto medici e nutrizionisti, consigliano di consumarli freschi e dunque non surgelati, anche se in molti casi, può risultare notevolmente comodo preferire questi ultimi a quelli freschi presenti nella maggior parte dei rivenditori di frutta e verdura.  Ecco due ricette semplici e gustose per portarli a tavola preservandone tutte le qualità nutritive.

POLPETTE DI SPINACI

Lessate gli spinaci, almeno 500 grammi crudi. Una volta sgocciolati perfettamente strizzateli per bene con uno strofinaccio per eliminare tutta l’acqua. Sminuzzateli poi con un coltello e aggiungeteli in una ciotola con del pane (almeno 100 grammi di mollica) precedentemente ammorbidito in acqua, uova, grana e sale. Impastate il composto aggiungendo, se necessario, del pangrattato per migliorare la consistenza e rendere il tutto maggiormente mormido, ma allo stesso tempo compatto. Realizzate le polpette aiutandovi con un cucchiaio per dare una forma circolare alle stesse. Al centro di ogni polpetta aggiungete alcuni pezzetini tritati di scamorza affumicata. Richiudetele e passatele nell’uovo e nel pangrattato. Infine, cuocete le polpette in forno per 180° e per circa 20 minuti.

 

ROTOLO DI SPINACI

Anche in questo caso la ricetta può essere utilizzata sopratutto per far apprezzare la verdura in questione ai più piccoli, ma non solo. Una volta cotti gli spinaci, lasciateli sgocciolare per bene. A parte sbattete  le uova, quattro nello specifico, aggiungendo sale e pepe. Quando gli spinaci saranno privi di acqua aggiungete il composto con le uova e gli spinaci in una stessa ciotola. Disponete in una teglia da forno rettandolare della carta da forno e versate il composto. Infornate per circa 15 minuti a 200 gradi. Una volta terminata la cottura avrete ottenuto una frittata al forno, lasciatela raffreddare e arrotolatela in uno strofinaccio. Una volta fredda srotolatela e conditela come preferite. Consigliamo Philadelphia light, ma anche prosciutto cotto, altri formaggi e qualsiasi cosa sia di vostro gradimento. Arrotolatela e avvolgetela nella pellicola conservandola in frigorifero per almeno due ore. Tagliate a fette e servite.

 

 

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui