Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

“Io sono convinto che la classificazione in zona gialla è una classificazione da prendere con estrema prudenza. Capisco la stanchezza dei cittadini e di alcuni operatori economici che non ce la fanno più, però zona gialla non significa liberi tutti, zona gialla significa che possiamo permetterci qualche cosina in più rispetto alla zona arancione ma che comunque il rischio è ancora comunque elevato”. Lo ha detto l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Perluigi Lopalco, parlando con Radionorba del passaggio della regione, da domani, dalla fascia arancione a quella gialla. “Faccio un appello ai cittadini – ha sottolineato l’assessore – comportiamoci come se nulla fosse cambiato, facciamo le stesse cose che facevamo la scorsa settimana perché siamo in inverno e di virus in circolazione ce n’è ancora tanto”.

Sui dati che da domani consentiranno alla Puglia di passare dalla fascia arancione a quella gialla, l’assessore regionale alla Sanità, Pierluigi Lopalco, spiega che «sulla base di un gruppo di indicatori abbiamo chiesto al ministero di valutare eventualmente in maniera differente il totale livello di rischio». A Radionorba, Lopalco sottolinea che «come normalmente accade durante il fine settimana, la cabina di regia del ministero fa la sua valutazione su 21 indicatori e ce la trasmette». «Quando abbiamo ricevuto questa comunicazione – precisa – c’erano alcuni indicatori che secondo noi potevano essere valutati diversamente, perché alcuni indicatori sono numerici ma possono comunque dare luogo a delle valutazioni. Quindi sulla base di un gruppo di indicatori noi abbiamo chiesto al ministero di valutare eventualmente in maniera differente il totale livello di rischio, quindi abbiamo risposto con una relazione di un paio di pagine mostrando quelle che erano le nostre evidenze e la nostra interpretazione del dato». «Il ministero ovviamente – spiega Lopalco – tra cabina di regia e Istituto superiore di sanità ci ha messo qualche giorno a rivalutare la situazione e ieri sulla scorta delle nostre indicazioni ha pensato di cambiare la valutazione generale del rischio, che ha portato alla riclassificazione da arancione a giallo». «Teniamo presente – ha concluso Lopalco – che tutto questo sarebbe comunque accaduto venerdì prossimo, perché il trend in diminuzione è stato confermato questa settimana».


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui