Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Iris ha 21 anni e lotta per tornare a vivere, ma la clinica che le offre questa speranza ha un costo che la famiglia non può sostenere: oltre 200mila euro.  A raccontare la storia di questa giovanissima ragazza pugliese, precisamente di Monopoli, sono Gelsomino e Immacolata, i genitori. Ma entriamo nei dettagli: il 4 ottobre del 2020, a causa di una vena rotta, Iris ha avuto un’emorragia cerebrale. Da allora la ragazza ha subito moltissimi interventi prima alla testa, poi all’addome (a causa della fuoriuscita della Peg, la procedura chirurgica con cui si crea un’apertura sullo stomaco e successivamente sull’addome per infilare il sondino utile per la nutrizione artificiale).

Sono diversi i danni che Iris, nel corso di questi mesi, ha subito, ragion per cui, dopo molti interventi è stata trasferita al centro per la riabilitazione di Ceglie, il San Raffaele. I termini però, così come spiegano i genitori in un video di presentazione, adesso sono scaduti, così, dal San Raffaele hanno consigliato di trasferire Iris in una struttura idonea situata in Austria, precisamente ad Innsbruck. I costi però sono troppo alti per la famiglia della ragazza: per la riabilitazione ci vogliono infatti mille euro al giorno, un costo che la famiglia proprio non può permettersi. E’ per questo che, al fianco dell’associazione Movimento per la vita Monopoli, in cui Iris militava, è stata avviata una raccolta fondi per aiutare la famiglia a supportare le spese affinché la ragazza possa presto tornare a far sorridere gli altri.

“Vorremmo tentare di tutto per lei – hanno commentato i genitori in un video in cui spiegano le motivazioni per cui chiedono aiuto – se c’è una possibilità vorremmo continuare, vorremmo mettere in circolo la vita. Vi ringraziamo se ci potrete aiutare” – hanno concluso. All’interno del video c’è anche un murales che ha dipinto la stessa Iris nel corso delle sue attività con l’associazione. “Da questo dipinto viene fuori il suo amore per la vita – ha commentato Grazia Satalino, presidente dell’associazione. L’avventura di Iris nel Movimento per la vita è iniziato nel 2018, da allora, racconta Satalino “ha sempre dimostrato un attaccamento alla difesa e alla tutela della vita diventando volontaria del gruppo giovani” – ha sottolineato.

La campagna di raccolta fondi, che in particolare prende il nome di “Iriscare, metti in circolo la vita”, è stata attivata su gofundme.com. L’obiettivo per continuare a sperare è di 250mila. “Iris sta lottando per riprendere in mano la sua vita, vogliamo sostenere e aiutare la sua famiglia per darle una speranza e per far si che possa ritornare a vivere. Serve il piccolo, ma grande aiuto di tutti, insieme potremo riuscirci” – ha concluso Satalino. Qui il link per la raccolta fondi.

(Foto Facebook Iriscare metti in circolo la vita)

 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui