lapugliativaccina.regione.puglia.it

Nell’ambito degli intensificati servizi di controllo del territorio tesi a contrastare il fenomeno dei furti di autoveicoli – nelle ultime settimane – sono stati recuperati 12 veicoli rubati, ancora integri. Recuperati anche svariati pezzi di motoristica e componentistica appena smontati, attrezzi atti allo scasso e jammers inibitori di frequenze radio.

Un 37enne di Cerignola è stato bloccato mentre si stava allontanando da Bitonto dopo aver caricato su un furgone pezzi di un’auto di grossa cilindrata, destinati al mercato illecito dei pezzi di ricambio; l’uomo è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per ricettazione.

Sempre a Bitonto, i poliziotti hanno tratto in arresto un uomo di 34 anni ed una donna di 56 anni, entrambi residenti a Bitonto, ritenuti responsabili di detenzione illegale di sostanze stupefacenti. I due, nel corso di un’operazione di polizia, a seguito di un inseguimento lungo le strade alla periferia della città, sono stati fermati e sottoposti a controllo. A seguito di perquisizione, presso una campagna privata di pertinenza dell’abitazione della donna, sono stati rinvenuti e sequestrati di 4.6 kg di hashish, 1.6 kg di marijuana, varie bilance di precisione e materiale per il confezionamento della droga. L’attività ha consentito di sequestrare anche un fucile ad aria compressa con potenza superiore ai 7,5 joule, corredato da centinaia di proiettili in piombo, risultato rubato lo scorso mese di gennaio a Bitonto.

Arrestato in flagranza di reato un bitontino di 76 anni che, per l’ennesima volta, si era appostato per seguire i movimenti della moglie; già denunciato per maltrattamenti in famiglia, l’uomo è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Ad un 75enne bitontino, responsabile di violenze e atti persecutori nei confronti della moglie, è stato notificato il divieto di avvicinamento alla vittima.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui