lapugliativaccina.regione.puglia.it

Sarà una settimana decisiva questa: a pochi giorni dal 6 dicembre si riunirà il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica in prefettura per definire tutta l’organizzazione per il giorno di San Nicola, e aggiornare le restrizioni considerando l’ultimo decreto Covid approvato dal Consiglio dei Ministri. Decreto che prevede l’obbligatorietà del green pass (base) sui mezzi di trasporto pubblico locale  e regionale. Una decisione che però creerà non pochi problemi a tutte le amministrazioni comunali, compreso Bari. Perché controllare ogni giorno migliaia di passeggeri su decine di bus Amtab a tutte le ore non sarà sicuramente compito semplice. Dal Comune fanno sapere che si procederà molto probabilmente con controlli a campione, ma nei prossimi giorni si riunirà il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica in Prefettura a Bari proprio per definire i modi di attuazione del nuovo decreto Covid.

Il testo approvato estende l’obbligo di green pass a ulteriori settori: alberghi, spogliatoi per l’attività sportiva, servizi di trasporto ferroviario regionale e interregionale e appunto i servizi di trasporto pubblico locale. Ed anche per i trasporti regionali si procederà quindi con controlli a campione.  Il via è previsto dal 6 dicembre, giorno di San Nicola: quando migliaia di persone utilizzano proprio i mezzi pubblici per raggiungere il Murattiano e il centro storico.

Il decreto Covid introduce anche il green pass rafforzato che vale solo per coloro che sono o vaccinati o guariti, da usare fino al 15 gennaio anche nelle zone bianche e non solo in quelle gialle e arancioni o rosse. Servirà  per accedere a ristoranti, spettacoli, feste, discoteche, cerimonie pubbliche. Per i trasporti pubblici basterà il green pass “base” che si può ottenere anche con i tamponi.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui