lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

Approvate le prime 13 proposte del progetto “Un negozio non è solo un negozio”, promosso dal Comune di Bari. Come noto, la misura varata dall’amministrazione comunale, a cura del job center comunale Porta Futuro, sostiene lo sviluppo di progetti commerciali dei negozi cittadini con contributi a fondo perduto fino a 50.000 euro, a fronte dell’impegno da parte degli stessi a realizzare attività, iniziative, eventi e servizi per favorire il progresso della comunità locale.

Le imprese selezionate sono così ammesse alla fase di co-progettazione in programma a settembre e volta a definire in maniera esecutiva i contenuti e le attività dei progetti e a redigere il cronoprogramma delle attività, che saranno avviate a seguito della stipula delle singole convenzioni con le imprese.

“Le prime risultanze del bando per il sostegno alle attività commerciali della città – sottolinea l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone – ci restituiscono uno scenario promettente, segno che l’intuizione del programma d_Bari 2022-2024 è corretta: esiste in città una scena commerciale pronta ad accettare le sfide dell’innovazione. L’amministrazione comunale, quindi, intende supportare concretamente questi imprenditori commerciali in modo che possano crescere nel segno della responsabilità sociale di impresa e del rapporto con la comunità locale”.

“L’originalità e la qualità delle proposte progettuali ammesse a finanziamento – evidenzia l’assessore alle Politiche del lavoro Eugenio Di Sciascio – dimostrano una grande vitalità del settore del commercio locale che, come amministrazione, intendiamo sostenere attraverso incentivi e servizi di supporto e accompagnamento che siano al passo con i tempi. Ringrazio il nucleo di valutazione e gli uffici di Porta Futuro per la celerità dimostrata durante l’istruttoria di valutazione, che rappresenta un elemento indispensabile per garantire velocità e certezza dei tempi nei programmi di investimento delle imprese beneficiarie”.

Di seguito una breve scheda dei 13 progetti finanziati finora:

ANCHECINEMA S.r.l.

Nome del progetto: AncheCinema Green Ticket Drive

Prevista la realizzazione del primo botteghino ‘Green Ticket Drive’ presso il teatro AncheCinema, destinato all’informazione e all’acquisto di biglietti per spettacoli organizzati in città: sarà aperto tutti i giorni, digitalizzato, accessibile e allestito con muschi assorbi-smog e piante. Il progetto, oltre a promuovere la riqualificazione verde di uno snodo importante della mobilità cittadina, garantisce accessibilità all’informazione sull’offerta culturale e un servizio di vendita biglietti con la presenza di un operatore in orari di ufficio e attraverso uno sportello digitale tutti i giorni h24.

ARTES Coop. Soc. a r.l. onlus

Nome del progetto: WelfarEat – Cucina a zero gradi di separazione

Il progetto prevede il potenziamento dell’attività già gestita da Artes a Santo Spirito (il bistrot, caffetteria e american bar ‘Artemisia’) con l’apertura di una nuova sede nel quartiere Libertà, in corso Italia 79. WelfarEat sarà una tavola calda – pizzeria sociale che promuove l’inserimento lavorativo di persone fragili. Saranno organizzate anche attività gratuite offerte alla cittadinanza, tra cui tirocini formativi nel campo della ristorazione in favore di persone con difficoltà socio-economiche, eventi culturali e sociali, laboratori di cucina aperti al territorio, attività di economia circolare (recupero e redistribuzione di eccedenze alimentari e“pastosospeso”) e portierato sociale.

ATELIER 27

Nome del progetto: Book Swap

Il progetto prevede l’allestimento di una libreria all’interno della boutique Atelier 27, in via Pavoncelli 144, nei pressi del parco 2 Giugno. Book Swap intende diversificare l’offerta dell’attività commerciale promuovendo, oltre alla vendita di libri, uno spazio di ritrovo, condivisione e scambio sul tema della lettura.

BOBO STUDIOS S.a.s.

Nome del progetto: Vetrina Interattiva

L’iniziativa mira ad avvicinare i giovani al mondo dell’arte attraverso le nuove tecnologie. Si tratta della realizzazione di una vera e propria vetrina animata che interagisce con il movimento, i suoni e i gesti dei passanti, davanti alla sede operativa della Bobo Studios (MAST – Music Academy Recording Studio) in via De Amicis. L’idea è quella di creare un sistema di interazione continua con i passanti che possa portare a vivere in modo nuovo gli spazi urbani e, nel caso specifico, i marciapiedi. Saranno, inoltre, organizzati eventi gratuiti di presentazione dei prodotti discografici su una piattaforma interattiva.

BUONO MARIA BARBARA

Nome del progetto: Rilancio e rinnovamento del commercio di prossimità

La tabaccheria nel centro del quartiere Murat svolge, da circa 40 anni, prevalentemente attività di vendita di tabacchi e di ricevitoria. Il progetto, attraverso l’ammodernamento e la redistribuzione degli spazi, la nuova dotazione di arredi e attrezzature, l’efficientamento energetico degli impianti, l’installazione di sistemi di sicurezza, l’abbattimento di barriere architettoniche e la cura del verde esterno, punta a consolidare e potenziare l’offerta commerciale e a digitalizzare l’attività, ampliando la gamma dei servizi a sportello e consolidando il ruolo di esercizio di prossimità dell’attività commerciale.

CAFFE PORTINERIA

Nome del progetto: Portineria F.M. (For Murat)

Portineria F.M. è il progetto di sviluppo commerciale del caffè Portineria in via Roberto da Bari 58/A. A partire dall’idea di portierato di quartiere sviluppata negli anni, con una vasta gamma di servizi ampiamente sperimentati, quali il ricevimento di pacchi e missive, il deposito di bagagli, l’affido di chiavi di casa, la rete wi-fi libera e gratuita, la bacheca di annunci, si intende rafforzare l’attività di caffè portineria attraverso nuovi servizi, come il bike sharing, la stampa e la copia di documenti e l’impianto per silentriunion, oltre a una implementazione della programmazione culturale e dell’informazione online sulla vita di quartiere e una app per velocizzare e snellire prenotazioni ed ordinazioni.

GRAN CAFFÈ IMBRIANI S.r.l.

Nome del progetto: Tourists welcome to Imbriani Caffè

Il progetto prevede il miglioramento funzionale e impiantistico del bar in via Imbriani 57, punto di riferimento del quartiere umbertino per cittadini e turisti. Gli investimenti proposti, sia per l’area interna che per gli spazi esterni del porticato, puntano a migliorare accoglienza e produttività del locale, offrendo in cambio alla città e, in particolar modo, alla comunità turistica eventi ed iniziative culturali.

I SAPORI DI MARE

Nome del progetto: Mare e Tradizione

L’idea progettuale consiste nella rifunzionalizzazione degli spazi interni del ristorante in via de Rossi 159 attraverso l’acquisto di attrezzature di ultima generazione e arredi per la zona esterna. In cambio l’attività si impegna a realizzare una serie di eventi aperti al pubblico, alla presenza di medici, nutrizionisti e relatori esperti nel settore dell’alimentazione con l’obiettivo di divulgare i vantaggi di un’alimentazione basata sul consumo consapevole di prodotti locali e tradizionali.

NICOLA MILELLA

Nome del progetto: Stile e fashion coaching

Il progetto prevede la ristrutturazione e l’ammodernamento di una storica attività di capi confezionati e accessori per l’abbigliamento in via Manzoni. L’attività commerciale, di contro, si impegna a realizzare eventi periodici in collaborazione con esperti del settore della moda, mostrando le collezioni in modo innovativo e promuovendo il concetto del fashion coaching, che consiste nella capacità di esprimere se stessi attraverso “il linguaggio” dell’abbigliamento.

ON-OFF

Nome del progetto: A pranzo dalla nonna

Il progetto prevede il restyling del locale in via Garibaldi n.7/9, a Torre a Mare, che consentirà di ampliare la gamma dei servizi offerti e di attrarre nuovo pubblico, di realizzare una nuova campagna social e politiche di re-branding, di promuovere la tradizione culinaria barese attraverso azioni legate al tema del riciclo e del riuso del prodotto alimentare e un’attività di orientamento alla professione in convenzione con una scuola statale di secondo grado.

TERRENA S.r.l.s.

Nome del progetto: Boutique ‘Le scelte di Terrena’

Il progetto prevede un laboratorio creativo di gioielli di moda italo-francese dall’eleganza ricercata. La produzione è realizzata da persone con disabilità al termine di un corso di formazione finalizzato all’occupazione. L’investimento sulla nuova sede in via Calefati 124 si concentrerà sugli arredi e sul layout della boutique. Inoltre l’attività sarà dotata di un sistema informatico gestionale per la registrazione delle vendite e l’aggiornamento del magazzino in tempo reale. In collaborazione con alcune organizzazioni sociali saranno realizzate attività per la sensibilizzazione e la promozione di un modello di impresa responsabile per il sostegno alla formazione e all’occupazione delle categorie più fragili.

URBAN SRL

Nome del progetto: Alimentazione etica e sostenibile

Il progetto di Urban, in via Nicolai 10, ha l’obiettivo di rifunzionalizzare gli spazi di vendita attraverso un nuovo dehor, di puntare sull’accessibilità abbattendo le barriere architettoniche, di realizzare un parcheggio per monopattini incentivando quindi la mobilità sostenibile, di disporre di nuovi servizi di sicurezza e di promuovere un’alimentazione etica e sostenibile attraverso azioni di sensibilizzazione sullo spreco alimentare.

VIMINI s.r.l.s.

Nome del progetto: Parco dell’arte

Parco dell’arte, a cura dell’attività “I giardini di Frida” in via Edmondo Caccuri, unitamente a una ristrutturazione del locale, alla riconfigurazione interna degli spazi e ad investimenti in arredi e attrezzature, punta ad implementare la riqualificazione e il recupero del giardino pubblico “Michele Campione”, antistante il locale, sviluppando attività culturali (mostre, mercatini, momenti di divulgazione, ecc) e realizzando servizi di accessibilità per le persone con disabilità e azioni di sostenibilità ambientale.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui