MARTEDì, 16 LUGLIO 2024
74,585 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,585 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

Bari, in ospedale sedia rossa “riservata” a donne vittime: è polemica

La denuncia: "Una vergogna, manca solo lettera scarlatta"

Pubblicato da: redazione | Gio, 25 Gennaio 2024 - 20:00
- PUBBLICITÀ LEGALE -
bari.aci.it"

È polemica per la sedia rossa posizionata nella sala d’attesa dell’ospedale Di Venere a Bari. A denunciare quanto accade, Krizia Colaianni, dell’associazione “La forza delle donne” in relazione, in particolare, all’eventualità che, quel posto, presumibilmente “riservato alle donne vittima di violenza” possa rendere queste ultime ulteriormente vulnerabili poiché “sotto gli occhi di tutti” e dunque non protette e tutelate.

“Sicuramente – evidenzia Colaianni – secondo qualche competente in materia, (ma molto competente) una donna vittima di violenza si reca in Ospedale (a Bari) si siede sulla sedia rossa (diversa da tutte le altre, e con il cartellone sul capo posto riservato alle donne vittime di violenza, 1522), attende il suo turno, per essere assistita al Pronto Soccorso…con gli occhi puntati degli altri pazienti. Geniale, no? Finalmente così non cadranno più dalle scale! Le panchine rosse, le cassette rosse e le sedie rosse vi stanno sfuggendo di mano. Si ringrazia la visibilità. Dal Di Venere è tutto” – ha concluso.

Parole a cui fanno eco quelle di tanti altri. “Un’autentica vergogna – evidenzia una cittadina –  manca solo la “lettera scarlatta” appuntata e siamo alla frutta totale”. “Oggi ad un uomo in attesa di visita – commenta un’altra –  è stato chiesto di alzarsi perché quel posto è riservato alle donne vittime di violenza. Se pensiamo di poter fare sensibilizzazione e informazione in questo modo…grazie” – conclude. Non tutti però la pensano allo stesso modo, secondo alcuni, la presenza della sedia rossa riguarda prettamente una questione simbolica. “Ero al Di Venere per un controllo e mi hanno detto che è solo a scopo informativo – spiega una cittadina – ossia ribadire con l’immagine, alle donne che arrivano qui per aver subito violenza, che non sono sole e che possono provare a salvarsi. Non è quindi un posto riservato…vorrei crederci, sarebbe davvero fuori dal senno una cosa del genere” – conclude.

Foto Facebook

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Istituto tumori di Bari, c’è il...

 Il prof. Nicola Silvestris sarà dal prossimo 1° settembre il nuovo...
- 16 Luglio 2024

In 66 sbarcano a Leuca, ci...

Un gruppo di 66 migranti di nazionalità iraniana, afgana e irachena,...
- 16 Luglio 2024

Bari, polemiche per la pista ciclabile...

Dal manto sconnesso al guardrail troppo basso, ma anche pericoloso per...
- 16 Luglio 2024

Dallo sport in carrozzina ai ragazzi...

L’Aps-Asd HBari 2003 chiuderà l’anno sportivo 2023/2024 con una cerimonia pubblica...
- 16 Luglio 2024