Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

BARI – Ha perseguitato il vicino, il commercialista e l’avvocato di quest’ultimo, per una diatriba di vicinato.  Per questo i carabinieri  di Molfetta hanno arrestato un 30enne titolare di una pizzeria, accusato di atti persecutori, violenza privata, lesioni personali e danneggiamento.

\r\n

Tutto ha avuto inizio a seguito di una controversia tra il pizzaiolo e un 59enne del posto, vicino di casa della pizzeria, per una canna fumaria a servizio del locale. Lo “stalker”, durante il mese di febbraio, ha cominciato  a perseguitare il vicino,  con minacce di morte, violenze fisiche e danneggiamenti di cose. Una mattina il pizzaiolo ha aggredito con calci e spintoni la sua vittima e successivamente ha tagliato le ruote dell’auto.

\r\n

Minacce di morte sono state rivolte anche nei confronti del commercialista e del legale di fiducia del 59enne, il primo per essere stato l’autore di alcune lettere inviate al pizzaiolo  ed a seguito delle quali era stato instaurato il contenzioso legale di natura civilistica; il secondo, invece, affinché rinunciasse alla difesa del vicino nella vertenza relativa, appunto, alla canna fumaria.

\r\n

È quindi stato emesso un provvedimento cautelare: il pizzaiolo è agli arresti domiciliari.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui