Cabtutela.it

Una vittoria pesantissima in chiave play-off. I tre punti conquistati da Donati e compagni nel far west di Ascoli consentono al Bari di consolidare il terzo posto, mantenendo un piccolo ma essenziale vantaggio su Trapani e Pescara. Sesta vittoria nelle ultime sette gare per un ruolino di marcia sontuoso.

\r\n

L’undici di Camplone, modificato per un indispensabile turn over, non ha disputato una gara brillante ma ha avuto la forza e il carattere per massimizzare il gol segnato nel primo tempo (autogol del marchigiano Cinaglia), gestendo la gara e offrendo raramente il fianco alle azioni offensive degli marchigiani.

\r\n

Da Ascoli, dove in tribuna c’erano anche Dato’ Ahmad e Grazia Iannarelli (prossimi soci di Paparesta), la squadra torna con la consapevolezza di avere le qualità per lottare anche in contesti limite come quello del Del Duca, dove nel finale i duemila baresi del settore ospiti hanno visto più calci che calcio…

\r\n

La chiave tattica. Bari cinico e poi lucido nell’addormentare il gioco

\r\n

Il Bari nella prima frazione, pur con un gioco meno fluido del solito, ha avuto la prontezza di monetizzare il vantaggio e di tenere sempre il pallino del gioco, correndo rischi solo per qualche sbavatura con Donkor e Jakimovski (mai stati terzini prima dell’esperienza barese). Poi con il passare dei minuti Valiani e compagni hanno sempre mostrato sicurezza e nel secondo tempo avrebbero potuto mettere in sicurezza il risultato con un contropiede sprecato da Sansone alla Raducioiu.

\r\n

Punto di forza. Il peso di avere in rosa giocatori esperti

\r\n

Massimo Donati è tornato leader ad Ascoli, dopo una stagione tra panchina e naftalina. L’ex Celtic ha letteralmente preso in mano la squadra, dettando i ritmi e dando indicazioni ai compagni più fumantini quando la gara stava diventando – nei minuti finali – un corpo a corpo greco-romano. Valiani, Rosina e Di Cesare hanno saputo leggere la sfida con le chiavi che si possiedono solo grazie all’esperienza e a decine di campionati sulle spalle.

\r\n

Punto debole. Maniero sotto tono e fasce difensive in affanno

\r\n

Pur in una serata corsara e vincente è utile evidenziare la prova sotto tono di Maniero (apparso macchinoso nella corsa): il bomber è stato servito poco, ha sportello tutti i 90′, ma non ha il lampo delle giornate migliori. Le fasce difensive sono il vero tallone d’Achille del Bari. Schierare terzini adattati, improvvisati o inesperti (Donkor) offre sempre l’occasione ai tecnici avversari di giocare un jolly sulle fasce. Ad Ascoli è andata bene, ma in vista delle finali play off Camplone non può continuare a sottovalutare i segnali costanti di permeabilità che arrivano dai settori laterali della retroguardia.

\r\n

La curiosità. Contini (al rientro) infortunato dopo cinque minuti

\r\n

Stagione sfortunata per il vecchio Conte Contini: il difensore rientrava dopo un periodo costellato di infortuni ma dopo cinque minuti un guaio muscolare lo ha messo ko.

\r\n

@waldganger2000


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui