Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Non basta l’apertura del Nino Rota. Ci vuole anche un piano di gestione. Ecco il monito di Nuccio Altieri, deputato di Cor. “Finalmente – scrive in una nota il parlamentare – dopo un anno e mezzo dal completamento dei lavori di recupero dell’Auditorium Nino Rota, il Governo si ricorda di Bari e si decide a pagare quanto doveva per (speriamo) chiudere la pendenze, che hanno bloccato fino ad ora l’apertura al pubblico della sala”.

\r\n

Chiarezza sulla gestione\r\n”Ora è necessario e urgente un piano di gestione dell’Auditorium Nino Rota, altrimenti il rischio che resti chiuso subito dopo l’inaugurazione,  anche con tutte le autorizzazioni, è molto molto alto”.

\r\n

I costi

\r\n

Altieri evidenzia che le risorse necessarie non sono nelle disponibilità di Conservatorio Nè del Comune: “La gestione dell’Auditorium, infatti, costerebbe non meno di 900 mila euro all’anno, fondi che né il conservatorio, né Decaro, né nessuno oggi può pensare di avere a disposizione”.

\r\n

Proposta di gestione privata

\r\n

“Da tempo – conclude Altieri – ho proposto un modello di gestione privata, che consenta però l’utilizzo pubblico dell’Auditorium, senza alcun costo per Città Metropolitana e Conservatorio: considerando, infatti, circa 100 giornate all’anno quelle necessarie per i concerti del Conservatorio e Città Metropolitana, il concessionario potrebbe svolgere la propria attività per le restanti 265 giornate, nel rispetto degli indirizzi e delle prerogative fissate nel bando pubblico, trattenendo per se i ricavi ma accollandosi per intero le spesse di gestione”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui