“A volte certe storie diventano metafora non solo del Paese o della regione in cui si collocano, ma anche del mondo”, e poi “al Nord se la passano peggio: c’è più corruzione al Nord che al Sud”. Così Michele Placido, a margine della presentazione del film Io che amo solo te – La cena di Natale, a Polignano a Mare, replica chi sostiene che danneggi il Meridione portare sul grande schermo personaggi meridionali indolenti e sempre a caccia di una scorciatoia.

\r\n

“Al Nord – rileva Placido – se la passano peggio. Credo che ci sia più corruzione dove c’è più produttività: pensiamo a Roma, con Mafia Capitale o a quel che è successo all’Expo”. “Qui – aggiunge – probabilmente non siamo capaci di rubare come rubano altrove. Questa è la verità”.

\r\n

Il nuovo film tratto dal romanzo di Luca Bianchini

\r\n

Io che amo solo te – La cena di Natale? (tratto dal romanzo di Luca Bianchini per Mondadori, ndr) – per Placido – è una commedia dove si parla di indolenza. Mi ricorda un po’ I Basilischi di Lina Wertmuller, con questi ragazzi incapaci di costruire il proprio futuro,  anche se credo che la Puglia da questo punto di vista contraddica questa immagine”.

\r\n

Placido sarà Don Mimì

\r\n

Placido interpreterà Don Mimì: “Mi si è fatta l’osservazione che il commerciante Mimì quando paga, lo fa in nero. Non stiamo dicendo che don Mimì sia una persona perbene, questa è satira”. “La positività al cinema non esiste quasi mai – conclude Placido – anche nei romanzi dei grandi scrittori, da Dostoewskij a Shakespeare, l’aspetto negativo dell’uomo è sempre messo o in berlina o drammatizzato in storie molto cupe”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here