!Noi chiediamo l’assunzione in tempi rapidi dei vincitori e degli idonei al concorso Ripam Puglia all’interno della Regione.  Vogliamo, inoltre, che  si promuovano accordi di cessione della graduatoria con altre amministrazioni.  Siamo disposti anche a spostarci per lavorare in altri enti nel caso in cui non sia possibile farlo per la Regione”. Questa la richiesta di Leonardo Lorusso, fondatore del Comitato vincitori e idonei del concorso Ripam Puglia, tra gli animatori del presidio che si è riunito fuori dalla sede del Consiglio regionale.

\r\n

I vincitori del concorso sono scesi in piazza per sostenere la mozione n.64, il provvedimento regionale, appoggiato da maggioranza e opposizione, che potrebbe dare una svolta alla vicenda Ripam. Il condizionale è d’obbligo perché la mozione in questione potrebbe non passare a causa dei tempi ristetti per il voto durante la seduta consiliare.

\r\n

Cosa contiene la mozione n.64

\r\n

La mozione n.64 prevede che le assunzioni a tempo indeterminato in Regione avvengano esclusivamente attraverso l’immissione in servizio dei vincitori e degli idonei del concorso Ripam. Inoltre stabilisce che, solo successivamente alla scadenza della graduatoria nel 2018, vangano stabilizzati i precari regionali i quali, nel frattempo, beneficerebbero di proroghe dei contratti. Il ritardo nell’assunzione dei vincitori del concorso è dovuto dal necessario ricollocamento degli ex impiegati della Provincia di Bari in vari enti, tra cui la Regione.

\r\n

Inoltre la mozione impegna l’amministrazione regionale ad attivare accordi di cessione della graduatoria con altri enti pubblici e a redigere un atto di indirizzo che impegni Agenzie Regionali, Enti strumentali e società a partecipazione regionale ad attingere, per le future assunzioni, dalle graduatorie Ripam Puglia.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here