BARI – E alla fine l’esperimento si è concluso. Terminati i 15 giorni di rodaggio per la pedonalizzazione di via Suppa, l’amministrazione comunale ha stabilito che le auto potranno da oggi di nuovo transitare. Non si è ripetuto, quindi, quanto era avvenuto a pochi metri di distanza, in via Roberto da Bari, dove al termine del periodo di prova l’area era stata definitivamente chiusa al traffico.

\r\n

Le reazioni alla riapertura di Via Suppa

\r\n

Roberto Valerio, titolare di un negozio di ottica in via Suppa: “Noi siamo a favore della proposta del sindaco di allargare i marciapiedi, ma comunque ci deve lasciare la possibilità di far passare le auto anche a settembre. Nelle settimane della sperimentazione i flussi di clienti sono diminuiti e noi commercianti ne abbiamo risentito. Non capisco tutta questa\r\nattenzione  dell’amministratore su via Suppa solo ora, quando a Natale di due anni fa dovremmo comprarci noi le luminarie, perché il Comune non voleva pagarcele”.

\r\n

La raccolta firme

\r\n

La proposta di pedonalizzazione è stata presentata il mese scorso dall’associazione Bar!ap, che era riuscita a raccogliere mille firme tra i residenti e i genitori degli alunni della vicina scuola elementare Mazzini. “Proporremo attività sportive per gli studenti – ha dichiarato ai microfoni di Borderline24 il presidente di Bar!ap Roberto Tartaro – così da rilanciare questa zona, come già è accaduto in via Argiro. L’abbiamo fatto non solo per i bambini, ma anche per i residenti, che potranno godersi un’area finalmente libera dal traffico”.

\r\n

Le proteste dei commercianti

\r\n

La sperimentazione non ha però trovato il favore di molti commercianti della via, che temevano una riduzione dei clienti dopo la pedonalizzazione. “Oltre ai problemi per i commercianti – ha dichiarato Roberto Valerio, che da anni gestisce un’ottica nella via – ci sono rischi per la sicurezza dei residenti. Già qui abbiamo senzatetto che fanno i loro bisogni e dormono nei portoni, senza il passaggio delle persone la situazione rischia solo di degradare ancora di più”.

\r\n

Il futuro

\r\n

Le sperimentazioni potrebbero non fermarsi con la conclusione del periodo di pedonalizzazione. Il Comune, infatti, comincerà da lunedì una serie di consultazioni tra residenti e commercianti per capire come trasformare via Suppa da settembre. Le alternative sono due: chiudere nuovamente la strada oppure allargare i marciapiedi, lasciando una sola corsia di attraversamento per le auto, così da permettere agli esercenti di sistemare i tavolini all’esterno dei loro negozi.

\r\n

La strada sporca

\r\n

La settimana scorsa aveva fatto molto discutere il livello di sporcizia della strada, dove erano ammassati bottiglie, bicchieri, coriandoli e fogli di carta, abbandonati sul cemento dopo la festa di fine anno organizzata dalla scuola Mazzini in collaborazione con l’associazione Bar!ap.

\r\n

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here