Cabtutela.it
acipocket.it

In un mondo saturo di influencer e manichini, Amelia e Chiara, scevre dalle tendenze, libere dai condizionamenti del ‘cosa va’, si consacrano all’unicità, la creatività, l’estro e il vintage: loro sono le Sine Modus, le ragazze con il turbante!\r\n\r\nApprodano con i loro copricapi, ritagli di stoffe e capi retrò, che danno vita ad accessori unici con modelli sempre particolari e diversi. I loro turbanti guadagnano subito un grande successo sui social, spopolando tra le donne di tutte le età. Arriva il primo negozio a Milano, dove trovare vecchie perle di Versace e Missoni e capi second-hand, dove sia il collezionista che il semplice studente possono acquistare quella chicca in più che arricchisce il proprio guardaroba, potendo attingere fra capi di un vintage ricercato, in bilico tra l’antico e il contemporaneo e pian piano il sogno di queste due straordinarie ragazze prende forma.\r\n\r\n

\r\n\r\nArriva il primo negozio a Milano, capi di un vintage ricercato. Il turbante però resta sempre il loro biglietto da visita, attirando così l’attenzione di donne che, per necessità, dovevano coprire il capo. Lanciano pertanto un’iniziativa a favore di donne affette da neoplasie, lavorando e perfezionando tessuti per loro più confortevoli, anallergici, ma soprattutto capaci di valorizzarle.\r\n\r\nIl sogno continua a prendere forma, si espandono e acquistano un nuovo membro, Elena. Aprono da pochissimo la seconda boutique in Isola, in via Thaon di Revel e a breve daranno il via ad una serie di progetti, tra cui la produzione di una collezione tutta loro. Due ragazze che sono l’esempio di come una passione può trasformarsi in lavoro, di come il proprio gusto può creare un nuovo modo di vedere la moda, di come il vecchio può rinascere in forme sempre nuove. Lasciatevi catturare dal fascino d’altri tempi, tornate ad ammirare donne sofisticate come Nina Simone e Greta Garbo, lasciatevi travolgere dalle creatività delle Sine Modus!


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui