Cabtutela.it

BARI – Una mappa di Bari che segnala la fontana più vicina? Grazie a “Bari Social” ora è possibile. Tramite smartphone sarà possibile d’ora in poi avere a disposizione tutti i punti di interesse del welfare pubblico e privato localizzati su Google maps. Mense, aree wifi, uffici pubblici, defibrillatori: questi sono solo alcuni dei servizi segnalati dall’applicazione, oltre a tutte le comunicazioni del Comune in quattro lingue diverse (inglese, francese, arabo e italiano).

\r\n

Informatizzare per migliorare il servizio

\r\n

La app “Bari Social” è stata realizzata dal Centro di aiuto psico-sociale (Caps) e messa a disposizione a titolo gratuito di tutta la cittadinanza barese. Con la app sarà possibile segnalare i casi di bisogno tramite una schermata  – al momento nella versione beta, ma presto attiva 24 ore su 24 – in cui il soccorritore inserirà i suoi dati e quelli del soggetto in situazione di emergenza: che si tratti di una vittima di aggressione o di un senza tetto, la segnalazione riceverà risposta tempestiva.

\r\n

I dati convergeranno in un unico sistema e le istituzioni saranno in grado di distribuire le risorse umane e economiche in maniera “intelligente” evitando sprechi e sovrapposizioni.

\r\n

\r\n

A chi è destinata Bari Social?

\r\n

Spiega l’assessore all’organizzazione e all’innovazione tecnologica Angelo Tommasicchio che, “a contrario di quanto si possa pensare, anche chi vive in condizioni di necessità, come i migranti e i senza tetto, spesso è in possesso di smartphone. Per questo motivo l’applicazione è destinata a tutti i soggetti che attraversano il territorio barese: dai fruitori dei servizi di assistenza – dormitori, mense – ai cittadini”.

\r\n

L’uso di Bari Social semplificherà la vita a tutti i cittadini, tramite la sezione relativa agli uffici pubblici che renderà possibile sapere esattamente l’indirizzo, gli orari di apertura e i contatti dello sportello selezionato.

\r\n

‘Bari social’ è uno strumento straordinario per il mondo del welfare – ha aggiunto l’assessore al Welfare, Francesca Bottalico –  L’app rappresenta una novità assoluta per raggiungere anche chi non è conosciuto ai servizi sociali e può davvero diventare un’ottima guida per quanti hanno bisogno di orientarsi tra emergenze e iniziative socio-culturali, anche alla luce del decentramento, quasi concluso, in favore dei municipi”.

\r\n

Una rete in espansione

\r\n

L’applicazione disponibile da ieri, 17 luglio, potrà essere migliorata dal contributo diretto dei cittadini: tramite la sezione apposita dell’app, l’utente potrà aggiungere informazioni, segnalare iniziative e indicare servizi non ancora presenti negli archivi del Comune. La partecipazione di tutti è fondamentale per rendere l’applicazione realmente efficace, per questo motivo saranno posizionati in punti sensibili dei dispositivi elettronici, i “Beacon”, che invieranno agli smartphone l’invito a scaricare e utilizzare l’applicazione.

\r\n


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui