Cabtutela.it
acipocket.it

La letteratura enogastronomica protagonista a Polignano a Mare con la nuova edizione del Vino Possibile e del Pranzo Possibile. Dopo i 100mila spettatori del festival “il Libro possibile”, il palco in piazza dell’’Orologio nel borgo a picco sul mare si prepara ad accogliere gli autori di best seller di cucina per le tre serate dell’evento, il 22, 23 e il 24 luglio. Il festival è organizzato dalla direttrice artistica del “Libro Possibile” Rosella Santoro e dal presidente dell’’associazione culturale Artes Gianluca Loliva.\r\n\r\nPolignano si trasformerà in un enorme banchetto en plein air con diverse degustazioni di prodotti vinicoli e di gastronomia pugliese, per un percorso coordinato da Gerardo Leone. L’evento è stato presentato questa mattina nella sede della presidenza della Regione Puglia, a cui hanno partecipato Rosella Santoro, direttrice artistica del festival “Il Libro Possibile”, Francesca Pietroforte, assessore della Città metropolitana di Bari alla Cultura, Giandomenico Vaccari, consigliere d’amministrazione dell’Apulia film commission e Giuseppe Modugno, assessore allo Spettacolo di Polignano a mare.\r\n\r\nGli ospiti\r\n\r\nDalle 20.30 a mezzanotte si avvicenderanno sul palco grandi firme della cucina narrata e non solo. Fra gli autori in cartellone c’è Albert Espinosa – autore di “Braccialetti rossi”, da cui è stata creata una fiction cult su Rai 1 – per la prima volta in Italia con il suo nuovo romanzo. Si indagheranno le liason fra letteratura e cibo con Simonetta Agnello Hornby, Gabriella Genisi, Santo Piazzese e Luca Bianchini, ma anche le relazioni più intime fra memoria del gusto e grande romanzo, nella narrazione di Andrea Vitali. Toccherà invece all’’autore radiofonico Zap Mangusta svelare le prossimità fra mixology e filosofia, mentre del cibo raccontato sul grande schermo parleranno Massimo Ghini, Riccardo Scamarcio e Lunetta Savino (la Cettina di un Medico in famiglia). Tra gli ospiti nazionali troviamo Fabiano Amati, Licia Granello, chef Rubio, Simone Salvini, Angela Frenda e Sonia Peronaci.\r\n\r\nCinema e racconti sul lungomare Domenico Modugno\r\n\r\nSul lungomare Domenico Modugno durante il Vino Possibile sarà allestito lo spazio Apulia film commission, dedicato alla narrazione e alle proiezioni in collaborazione con la cooperativa ““I bambini di Truffaut””.\r\n\r\nNel corso delle tre serate andranno in scena momenti dedicati alla lettura di racconti, seguiti dalla proiezione di pellicole d’’autore ispirate ai romanzi. In anteprima nazionale sarà proiettato il film “Un posto sicuro” di Francesco Ghiaccio, ispirato ad un romanzo scritto a quattro mani dal regista e scrittore Marco D’’Amore, che anticiperà la proiezione. Spazio nel secondo giorno ad Alma Sinibaldi, che leggerà il racconto “”Io mangio Puglia””, seguirà la proiezione del film “Bella e perduta” di Pietro Marcello. Chiuderanno la rassegna Romana Petri con il racconto “”Le serenate del ciclone”” e il regista Piero Messina con la proiezione del film ““L’’attesa””.\r\n\r\nIl Pranzo Possibile\r\n\r\nIl 25 luglio l’’appuntamento è a Borgo Egnazia per il Pranzo possibile, evento patrocinato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Sette chef, in arrivo dal Piemonte alla Sicilia passando per le regioni mediane, cucineranno per raccogliere fondi per Emma e Valentina, due bambine gravemente malate alle quali sarà devoluto il ricavato dell’evento.\r\nA cucinare per gli ospiti ci saranno i fratelli Cerea e Paolo Rota, del ristorante tristellato “Da Vittorio di Brusaporto”, lo chef Davide Scabin del “Combal.Zero” di Rivoli, il cuoco Pietro Zito del ristorante Antichi sapori di Montegrosso, la cuoca stellata Cristina Bowerman del “Glass Hostaria di Roma”, Corrado Assenza del “Caffè Sicilia” di Noto e i padroni di casa, Andrea Ribaldone e Domenico Schingaro del ristorante “Due camini” di Borgo Egnazia.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui