Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Chioschetti abusivi, auto in doppia fila, rifiuti. E’ questa la scena che si presenta ai tanti baresi che d’estate decidono di passare le loro serate sul lungomare nord di Bari, per la precisione nel tratto che va dal faro ad Eataly. Questo spazio, più lontano dalle luci e dai controlli del centro, è diventato il regno dei chioschetti abusivi di bevande. Capita infatti spesso di vedere camioncini, sopratutto su via Paolo Pinto, con frigoriferi portatili montati sopra, che vendono birre e altre bevande a turisti e cittadini. Chiaramente senza mai rilasciare scontrini di alcun tipo. Un fenomeno molto vasto, con chioschetti su ruote che provano a fare concorrenza ai tanti furgoni che preparano panini sul lungomare.\r\n\r\nC’è poi il problema delle macchine in doppia fila. Già, perché anche se non mancano parcheggi ai lati del marciapiede, in molti preferiscono lasciare l’auto in doppia fila, anche davanti ai chioschetti abusivi, per sedersi con gli amici qualche ora sul lungomare. E la situazione peggiora quando ci si avvicina ai ristoranti a ridosso del faro, sul lungomare Starita, dove le macchine sostano in doppia fila anche vicino alla curva, rendendo difficile persino lo scorrimento del traffico.\r\n\r\nIl tutto in un zona in cui anche il problema dei rifiuti non è da sottovalutare, con ingombranti che vengono abbandonati per strada o ammassati ai lati dei cassonetti. Insomma, dopo il tanto clamore suscitato dalla lotta dell’amministrazione contro il fenomeno delle fornacelle, questo tratto di lungomare, ancora frequentatissimo dai baresi, rimane terra di nessuno.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui