lapugliativaccina.regione.puglia.it

Cresce il numero degli arresti per la sparatoria avvenuta alle 4 di mattina di domenica 4 settembre, sul lungomare di Molfetta, che ha portato al ferimento alle gambe di due ragazze di 25 anni e 4 ragazzi tra i 16 e i 20 anni. In manette sono finiti in queste ore altri tre giovani baresi. La loro presenza sul luogo della sparatoria è stata confermata dai riscontri raccolti dagli investigatori. I tre, due ragazzi incensurati e uno con precedenti per droga, hanno ammesso di essere tra i partecipanti all’azione punitiva. Su disposizione della magistratura di Trani i tre sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, nelle rispettive abitazioni a Bari, in attesa di essere sentiti dal giudice.\r\n\r\nLa ricostruzione degli inquirenti\r\n\r\nSecondo la ricostruzione della polizia tutto è nato in seguito ad un litigio in una discoteca locale avvenuto un’ora prima dei fatti, probabilmente per una donna, sedato dalle forze dell’ordine. Il gruppo però non sarebbe stato soddisfatto dell’esito della schermaglia verificatasi poco prima nel locale e aveva deciso che una lezione andava impartita. I ragazzi, sempre a bordo della Peugeot 207 utilizzata per i loro precedenti spostamenti, hanno quindi deciso di tornare a Bari e di prendere una pistola calibro 9 (dalla casa del più giovane). I cinque sono poi tornati a Molfetta per recarsi al bar del lungomare, uno dei pochi che a quell’ora della notte  sforna cornetti caldi. Alle 4.45 la sparatoria.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui