Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Adesso la Xylella fa paura anche agli agricoltori e alle istituzioni baresi. Dopo il primo caso di ulivo infetto  individuato ad Ostuni (e proprio oggi abbattuto), la Città metropolitana ha inviato a tutte le associazione di categoria una lettera informativa sulle misure fitosanitarie da attuare per il contenimento della diffusione del batterio.  “Nessun allarmismo – spiega il consigliere delegato alla Promozione e coordinamento dello sviluppo economico, Antonio Stragapede – ma seguiamo con attenzione l’evolversi della situazione. Per combattere la Xylella e difendere il territorio occorre un impegno comune. Abbiamo inviato a tutte le associazioni di categoria una lettera informativa per sollecitare la loro attenzione sulle misure fitosanitarie da attuare e sulle responsabilità e sulle azioni che ognuno, per propria competenza, deve mettere in campo per la tutela e salvaguardia degli alberi d’ulivo”. Nella lettera si raccomanda “l’esecuzione di potature ordinarie degli oliveti ogni due anni, il controllo meccanico degli stadi giovanili dei vettori per mezzo di lavorazioni superficiali o trinciatura ed interramento della vegetazione spontanea da effettuarsi entro  aprile”. Inoltre, è importante eseguire gli ordinari interventi fitosanitari nei confronti dei parassiti dell’olivo e, in particolare, per il controllo del rodilegno, della tignola, della mosca delle olive e della margaronia con insetticidi autorizzati. “Infine, in caso di acquisto di  ‘piante ospiti’, è obbligatorio che le stesse siano accompagnate dal passaporto delle piante”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui