lapugliativaccina.regione.puglia.it

Protesta questa mattina di una delegazione di ragazzi di Scienze della Formazione che dall’inizio dell’anno si ritrovano senza una casa, come denunciato da Borderline24, costretti a dividersi tra diverse sedi e a seguire le lezioni in aule piccole e sovraffollate.\r\n\r\nOggi una delegazione ha organizzato prima un’assemblea e subito dopo si è recata in senato accademico. “Abbiamo chiesto – spiegano i ragazzi di Link che hanno promosso la manifestazione –  e ottenuto di riformulare gli orari utilizzando anche le aule più capienti degli altri dipartimenti e di prendere parte alla formulazione della proposta”.\r\n

“Ci siamo confrontati con gli studenti provenienti da diversi dipartimenti tra i quali anche Lingue e Studi Umanistici per cercare plausibili soluzioni a problemi che da anni si riversano sul benessere degli studenti, provocando sovraffollamento delle aule e sovrapposizione degli orari -dichiara Elia Tedone, rappresentante degli studenti di Link – abbiamo deciso di mobilitarci, denunciando pubblicamente i disagi avvertiti, attraverso la campagna di foto-petizione #vorreimanonposto. Non possiamo più accettare che il diritto allo studio venga calpestato giorno dopo giorno, l’intera comunità studentesca deve riappropriarsi degli spazi ad essa riservata, di biblioteche e strutture che offrano servizi adeguati a rispondere ai bisogni di tutti gli studenti che ogni giorno vivono l’ambiente universitario”.

\r\n

\r\n

\r\n”Sono pienamente concorde – aggiunge Carlo De Matteis, consigliere di amministrazione della coalizione Up – con le tematiche esposte in senato oggi, avendole io rappresentate nell’ultimo anno e mezzo. Arrivando a conclusioni come le nuove aule che saranno realizzate e all’utilizzo del software per la razionalizzazione delle lezioni. Auspico che la situazione si sblocchi e  che venga consentito agli studenti di Scienze della Formazione  di recuperare un’identità verso il proprio dipartimento piuttosto che essere raminghi in giro per le aule dell’Università di Bari”.\r\n\r\nIntanto l’Ateneo ieri ha fatto sapere che per la manutenzione delle aule sono stati stanziati 441mila euro e che per Scienze della Formazione l’impegno è stato su due livelli.\r\n\r\n”Da un lato – si legge in una nota – individuare, attraverso l’uso del software Easy Course di analisi e incrocio degli spazi e delle lezioni, tutte le sale disponibili. Inoltre un’aula da 50 posti adiacente alla sala lettura esistente al piano rialzato nel palazzo ex Poste  è stata già allestita a tale scopo.  In corso il completamento del progetto esecutivo di 2 nuove aule di cui una da 100 posti ed una da 50 posti al piano rialzato nell’area precedentemente occupata da Poste Italiane. Si ipotizza che tali nuove aule potranno essere fruibili a partire dal secondo semestre dell’anno accademico in corso (marzo-maggio 2017)”.\r\n\r\nInoltre è stata autorizzata una modifica al progetto di rifunzionalizzazione dell’ex biblioteca nazionale al piano terra dell’Ateneo al fine di realizzare 2 grandi  aule nelle attuali sale lettura in disuso. Pronte entro l’anno accademico 2017- 2018.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui