Cabtutela.it

“Siamo tecnici del Comune e dobbiamo verificare se dopo gli ultimi terremoti gli edifici hanno subito lesioni, ci apra”. È questo l’ultimo stratagemma che due truffatori stanno usando per cercare di entrare nelle abitazioni degli anziani per derubarli.

\r\n

Nell’ultima settimana i casi sono aumentati, a Bari come in provincia. Fortunatamente chi non si è fidato ha chiamato i vigili urbani o gli uffici tecnici dei Comuni per chiedere se fosse vera questa ricognizione degli immobili. Insomma, c’è chi sta approfittando del dramma delle popolazioni del Centro Italia per raggirare soprattutto gli anziani.

\r\n

Si tratterebbe di due individui in particolare, che si sarebbero presentati come ingegneri o comunque funzionari tecnici del Comune chiedendo di poter entrare in casa per delle “urgenti” verifiche. “L”ultima scossa è stata molto forte e potrebbe aver provocato lesioni impercettibili anche qui”, è la frase che più cittadini si sono sentiti dire.

\r\n

I truffatori si spostano di paese in paese, ad esempio è accaduto anche a Casamassima dove i residenti sono stati avvisati che si tratta di un bluff. “Occhio alle possibili truffe – si legge in un comunicato – In queste ore – stando ad alcune segnalazioni pervenute in Comune, all’indirizzo del sindaco da parte di cittadini casamassimesi – alcuni soggetti si starebbero presentando al domicilio di alcuni residenti, presentandosi come tecnici del comune. Gli stessi starebbero chiedendo di entrare in casa per effettuare dei controlli statici all’interno delle abitazioni, a seguito dei terremoti che negli ultimi tempi stanno mettendo in ginocchio il centro Italia. L’invito, o meglio la raccomandazione, è di evitare nella maniera più assoluta, di aprire la porta a qualsiasi persona si presenti in questo modo. E questo perché dal comune nessuno è stato incaricato di effettuare  simili verifiche”.

\r\n\r\n


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui