Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Entro la fine dell’anno l’accordo tra la Fiera del Levante e la cordata emiliana, che per i prossimi 60 anni si occuperà della gestione degli spazi fieristici, dovrà essere firmato. Pena il licenziamento delle 25 persone, reduci dal taglio sul personale e dalle procedure di mobilità (la Fiera aveva 67 dipendenti che sono diventati poi 25). Il sindaco Antonio Decaro ieri durante il Consiglio comunale ha risposto alle sollecitazioni dell’opposizione sulla privatizzazione della Fiera.\r\n\r\n”Questa dell’estermalizzazione non è una scelta, ma un obbligo di legge – ha detto Decaro – nei prossimi giorni avverrà la sottoscrizione della concessione con la nascita della newco controllata al 90 per cento dalla Camera di Commercio e al 10 per cento da Bologna fiere. Se non si costituesse questa newco dal primo gennaio quelle 25 persone sarebbero senza lavoro. Abbiamo pochi giorni di tempo ancora per chiudere. Subito dopo saranno ripristinati gli organismi societari”.\r\n\r\nLa Fiera non sarà più ente ma una società per azioni e la Camera di Commercio di Bari ha confermato i nomi alla guida del nuovo consiglio di amministrazione: Alessandro Ambrosi presidente (ma sarà contemporaneamente anche alla guida della Camera di Commercio di Bari) e al suo fianco Giuseppe Riccardi (rappresentante di Cna) e Marina Lalli (Confindustria). Seguiranno altri due nomi indicati da Bologna Fiere.\r\n\r\nScettica l’opposizione. Il consigliere comunale di Impegno civile Giuseppe Carrieri ha presentato un ordine del giorno con il quale si chiedeva al sindaco di stoppare le procedure di esternalizzazione, poi bocciato dal Consiglio. “Questa è un’operazione illegittima – tuona Carrieri – stiamo inoltre dando la Fiera ad un ente che ha chiuso i suoi bilanci con 9 milioni di debiti”. “Faremo di tutto per salvare la Fiera da questa operazione – aggiunge Fabio Romito di Cor – stiamo consegnando la Fiera in mano a gente che non conosciamo e che ha affermato che i prossimi anni saranno di lacrime e sangue”. “Così – aggiungono i consiglieri dei 5 Stelle, Sabino Mangano e Francesco Colella – perdiamo un pezzo importante della storia della città”. Sotto accusa anche il commissariamento che doveva concludersi a settembre ed è stato prorogato fino a dicembre proprio per chiudere la procedura di esternalizzazione dei servizi.\r\n\r\n \r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui