Aveva rapinato, insieme ad un complice ancora non individuato, una oreficeria di Triggiano: i carabinieri della locale stazione hanno arrestato un venticinquenne, G.N., già noto alle forze dell’ordine responsabile dell’episodio criminoso avvenuto il 29 dicembre.\r\n\r\nL’uomo aveva rapinato la gioielleria di via Casalino entrando con una pistola insieme a un complice, e dopo aver minacciato i presenti, si appropriava di oggetti in oro e argento, di un orologio e di un anello in oro bianco, prima di fuggire su una Panda. \r\n

Grazie ad indagini accurate i Carabinieri della Stazione di Triggiano, in collaborazione con i militari del Nucleo Radiomobile di Bari hanno rintracciato nel quartiere Libertà del capoluogo il giovane ancora in possesso dei monili trafugati, dei capi di travisamento e della pistola giocattolo, verosimilmente utilizzata per commettere la rapina. L’accurata ispezione dei luoghi circostanti l’abitazione ha permesso altresì di rinvenire anche l’autovettura Fiat Panda utilizzata per la fuga e con le proprie targhe non più occultate.

\r\n

Condotto nella Caserma di via Gramsci, il rapinatore, peraltro già noto alle Forze dell’Ordine, è stato tratto in arresto e su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, condotto presso la Casa Circondariale di Bari.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here