“Quella pendenza va rivista”. A chiederlo il Comitato di liberazione delle palme, nato in occasione dell’avvio dei lavori di restyling di via Sparano. Sotto accusa la pendenza del nuovo marciapiede.
“Ci troviamo ora – si legge nella nota- coinvolti nella polemica sul marciapiede del primo isolato di via Sparano da chi ritiene, con un approccio di basso profilo, di approfittare di un problema di cantiere per rimettere in discussione tutto il progetto e per attribuire a questo Comitato delle opinioni mai esplicitate.
In particolare il Comitato, con la correttezza che lo ha sempre distinto fin dalla fondazione, intende scindere il problema particolare dal progetto generale”.

I rappresentanti del Clp ritengono troppo accentuata la pendenza, “per permettere una corretta fruibilità dello stesso da portatori di disabilità come anche da normali passanti. Il problema è sicuramente dovuto alle preesistenze ai margini, impossibili da valutare in fase progettuale esecutiva perchè affiorano caso per caso durante i lavori”. Da qui la proposta.
“Considerata la difficoltà, almeno in quel tratto, di poter rialzare la strada centrale per problemi di smaltimento delle acque piovane, che altrimenti potrebbero allagare le attività commerciali dal lato sottoposto – si legge ancora –  l’unica soluzione possibile appare quella di realizzare un gradino per riportare la pendenza del marciapiede a livelli accettabili.
Il Clp ritiene che tale problema possa ripresentarsi anche negli altri isolati e quindi chiede all’Amministrazione di verificare con tecnici della direzione lavori l’adozione di eventuali correzioni esecutive al progetto”.

Il Clp ha poi messo a confronto le pendenze del vecchio marciapiede davanti H&m e del nuovo.
“Invitiamo tutti a valutare l’attuale pendenza del marciapiede di fronte ad H&M e ad inorridirsi allo stesso modo”, concludono.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
sfiziesapori.it

1 COMMENTO

  1. […] Al no del Comitato per la liberazione delle palme si aggiunge quello del comitato dei “Cittadini per via Sparano” che ha duramente contestato i lavori di restyling del primo isolato di via Sparano, a cominciare dalla pendenza del marciapiede. “Troviamo – spiegano – inquietante e soprattutto irrispettoso verso la cittadinanza tutta ed, in particolare, verso una categoria che spesso soffre l’inadeguatezza di una città a misura di disabile, l’errata realizzazione del primo isolato della via.  Difatti la realizzazione di quest’ultimo fa emergere una incomprensibile ed ingiustificabile pendenza pari all’incirca di 6,6 per cento in spregio al dettato normativo in materia che ne prevede al massimo all’1  per cento. L’ errore progettuale di non aver battuto le quote in fase di redazione del progetto esecutivo trasformerà quel lato del marciapiede in una vera “trappola”. Il comitato chiede risposte urgenti. “Da mesi abbiamo manifestato tutti i nostri dubbi, per quello ormai noto come il De Profundis del salotto di Bari  – continuano –  inoltre abbiamo ricevuto segnalazioni anche sul pessimo stato di alcune delle palme trasferite in altre zona della città.  A riguardo provvederemo a delle verifiche sperando di non imbatterci in un altro problema. Concludendo possiamo, comunque, affermare che la piccola soddisfazione di aver ottenuto degli spazi verdi all’interno del progetto di restyling, grazie alla nostra battaglia, culminata con la raccolta di 5000 firme e nel documento-film “Il progetto alla barese”, disponibile su You tube, resterà un esempio positivo di partecipazione dal basso”. Ti potrebbero interessare… caricamento… var SC_CId = "291557",SC_Domain="n.pc1ads.com";SC_Start_291557=(new Date).getTime(); […]

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here