Cabtutela.it
acipocket.it

“Abbiamo giocato la migliore partita della mia gestione”: il tecnico del Bari Stefano Colantuono, dopo il pari interno con il Novara, coglie gli aspetti positivi nella nuova frenata della squadra, che ha mancato l’aggancio al quarto posto.

“E’ mancato il gol. Ci abbiamo provato in ogni modo”

“Floro Flores ci ha provato. E’ mancato il gol, ma abbiamo costretto il Novara a difendersi per tutta la gara. Il palleggio della squadra è stato rilevante. Troppo giro palla? Avevamo un avversario molto chiuso davanti. Alla fine il pubblico ha apprezzato, salvo qualcuno che ha fischiato. Posizione che non ho ben capito…”.

Il rigore si Floro Flores: “Si poteva dare”

“Il contatto con Floro Flores c’è stato. Si poteva dare il rigore…”: questo il commento sulle proteste dei pugliesi per il contatto nel primo tempo tra Mantovani e l’attaccante barese.

Le scelte tattiche: “Non avevo un centrocampista per il cambio”

Colantuono aveva pensato a schierare nel finale un Bari con il 4-2-4, ma ha dovuto desistere: “Romizi aveva i crampi, non avevo un altro cambio. Sarebbe stato rischioso avere una linea di centrocampo con Fedele e Romizi che era in difficoltà”. Da qui la scelta di arretrare Brienza nella linea mediana. “Devo rilevare anche la grande prestazione di giocatori come Romizi, Salzano Fedele, hanno stretto i denti e lottato tutta la partita”.

Elogi per Brienza

“Brienza? Giocatore straordinario. Lo conosco da dieci anni. Alla sua età si arriva così perché si è veri professionisti, negli allenamenti e nell’alimentazione. Gestirlo? Se in settimana lo preserviamo con la preparazione differenziata si incupisce…”.

A Vercelli con questa intensità

“Devo capire se la squadra avrà lo stesso tipo di approccio a Vercelli. Se avessimo giocato al 50% dei livelli visti con il Novara, non avremmo perso a Trapani.”


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui