Cabtutela.it
Aproli

Dopo una latitanza che durava dal 1963, grazie all’intercettazione di numerosi “pizzini” con cui il capo mafia comunicava con amici e parenti e a un pacco con dentro della biancheria, Bernardo Provenzano, settantatreenne, il boss di Cosa Nostra, viene arrestato in un casolare di Corleone.

Così, dopo 43 anni, l’uomo senza volto e di cui si aveva esclusivamente un identikit viene catturato e portato in carcere.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui