La Carmen di Georges Bizet, una martire dell’arbitrio femminile

La Carmen di Georges Bizet and√≤ in scena per la prima volta all'Oper√† Comique di Parigi nel 1875. Nonostante l'insuccesso iniziale, √® diventata - nel tempo - una delle opere pi√Ļ rappresentate di sempre

795

L’amour est un oiseau rebelle: irrompe cos√¨ sulla scena Carmen – la bella sigaraia – con una sensuale Habanera sulla volubilit√† dei sentimenti. Sensualit√†, bellezza, volubilit√†: dando una lettura alla critica sulla¬†Carmen di Georges Bizet, non si pu√≤ fare a meno di notare la ricorrenza di¬†questi termini. Senza dubbio, la presenza scenica della protagonista e il suo comportamento confermano¬†una lettura voluttuosa del personaggio, ma c’√® un aspetto pi√Ļ complesso dietro la storia che sarebbe ingiusto trascurare.

Carmen lavora nella lavorazione del tabacco e confeziona sigari a Siviglia, insieme a numerose belle ragazze come lei. Un po’ per opportunismo, un po’ per reale attrazione, seduce il caporale Jos√©, incaricato di¬†tenerla in custodia. Nella sua prima apparizione, Carmen sbaraglia la concorrenza della virtuosa Micaela – di cui Don Jos√© √® innamorato – e si presenta¬†al pubblico con la famosa¬†Habanera. Nell’aria (che Bizet pensava appartenere al repertorio popolare, per poi scoprire che fu scritta non troppo tempo prima da¬†Sebasti√°n Iradier, dopo un viaggio a Cuba), la donna declama: L’amour est l’enfant de Boh√™me/Il n’a jamais, jamais connu de loi/Si tu ne m’aimes pas, je t’aime/Si je t’aime, prends garde √† toi! (Prends garde √† toi!). Ovvero: Carmen chiarisce sin da subito le proprie intenzioni, scrivendo un manifesto dell’amore sensuale, che vive del gioco della seduzione, per spegnersi con la stessa rapidit√† con cui si √® acceso. L’amore (in traduzione) √® un piccolo zingaro, che non conosce leggi, se non mi ami, io ti amo! E se ti amo, stai attento a te. Il disinnamoramento nei confronti di Jos√© √®, dunque, annunciato sin dalla prima apparizione della donna, intrigata dall’idea di sedurre, ma assolutamente disinteressata al mantenimento della relazione.

Il triangolo che, gi√† dal secondo atto si crea con il toerador Escamillo, mette Carmen in una posizione pericolosa: quella dell’oggetto conteso tra due pretendenti. Lei, che tutto si sente fuorch√© un trofeo, continua a giocare, pur consapevole – soprattutto dopo la lettura dei tarocchi – che il suo sta diventando un azzardo rischioso. La rabbia omicida¬†che assale¬†Don Jos√© dopo la rottura, il rifiuto e la sostituzione, altro non √® che quello che ogni giorno ci racconta¬†la cronaca quotidiana, nei casi sempre pi√Ļ frequenti di “femminicidio”. La serissima e coerente Carmen paga con la vita la sua rivendicazione di libert√† e l’esercizio del diritto di scelta. Cos√¨, nella Spagna pittoresca di Bizet, ritroviamo un episodio¬†di triste contemporaneit√†, sublimato da una partitura magnifica, ma disperatamente tragico.

Ti potrebbero interessare...


caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here