È un 17enne di Sannicandro l’autore, assieme a un complice ancora non identificato, di ben due rapine avvenute nelle sale scommesse di Laterza e Santeramo in Colle, lo scorso ottobre. Il ragazzo è accusato di rapina, detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e porto abusivo di armi.

In due, con il volto coperto da passamontagna e da una maschera, avevano fatto irruzione in un’agenzia Intralot e un Punto Snai, minacciando i dipendenti con una pistola. La rapina di Laterza aveva fruttato 7 mila euro, mentre quella di Santeramo, ben 12 mila.

Le indagini dei carabinieri sono riuscite a risalire al 17enne grazie al ritrovamento di uno smartphone, rubato durante la rapina a Laterza, e abbandonato nelle campagne di Sannicandro. Gli indizi di colpevolezza a suo carico hanno fatto il paio con il passamontagna, le maschere e la replica di una pistola perfettamente simile a un’arma vera, ritrovati durante una perquisizione, assieme a sostanze stupefacenti. Tutti gli elementi raccolti, forniti all’autorità giudiziaria, hanno permesso di attribuire al ragazzo la responsabilità per le due rapine di Laterza e Santeramo, mentre sono ancora in corso le indagini per identificare il suo complice e per verificare il loro coinvolgimento in altri analoghi episodi verificatisi nella provincia di Bari negli ultimi mesi.

Il ragazzo è stato arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip della procura della Repubblica per i minorenni e condotto in una comunità di recupero in detenzione domiciliare.

aqpfacile.it
progettoimmobiliaresrl.com
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here