lapugliativaccina.regione.puglia.it

Aumentano le vendite dei biglietti ordinari dell’Amtab, raddoppiano gli abbonamenti. Chiude in positivo il bilancio 2016 dell’azienda di trasporto urbano, con un utile di 190mila euro. Un risultato atteso, considerando le ultime ricapitalizzazioni e i continui problemi che l’azienda si trova ad affrontare, a cominciare da un parco mezzi inefficiente. I disagi per i passeggeri e per gli stessi autisti sono infatti all’ordine del giorno: diversi i bus senza aria condizionata, in perenne ritardo e in avaria.

“Siamo passati da un disavanzo di circa 1,5 milioni di euro nel bilancio 2015 a un utile che, seppure contenuto, di 190.000 euro del 2016, testimonia tutto l’impegno e gli sforzi profusi in questi anni – commenta il sindaco Antonio Decaro – sia dall’amministrazione comunale sia dal management aziendale. L’aumento delle vendite sui biglietti conferma il cambio di passo anche sul fronte della collaborazione con i cittadini che stanno abbandonando la cattiva abitudine di viaggiare senza biglietto”.

Il sindaco annuncia l’arrivo di 54 nuovi bus per gennaio che permetteranno di rinnovare quasi la metà del parco mezzi. “In questo modo – conclude –  oltre a sanare i conti dell’azienda, contiamo di migliorare anche la qualità del servizio, due elementi che necessariamente devono procedere di pari passo per offrire ai cittadini un trasporto pubblico efficiente e una valida alternativa all’utilizzo dei mezzi privati”.

I dati contabili della società attestano che nei primi sei mesi del 2017 vi è stato un aumento dei proventi del 26 per cento delle vendite di biglietti ordinari passati a 1.873.068,40 euro rispetto al 1.487.420,68 euro nel 2016. Ancora più sensibile l’aumento delle vendite degli abbonamenti pari a circa il 45 per cento (da 663.293,01  euro del periodo gennaio-giugno 2016 a 958.946,93 euro registrati nel primo semestre 2017).


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui