Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

I carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa gip del Tribunale di Bari su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di Cesare Michele Oreste, nato ad Altamura nel giugno ’83.

I fatti contestati si riferiscono al duplice omicidio di Rocco Lagonigro e Vincenzo Ciccimarra, avvenuto ad Altamura la mattina del 27 marzo 2010, quando nelle vie di quel centro, un gruppo armato a bordo di una autovettura rubata, tese loro un agguato ferendoli entrambi mortalmente. L’omicidio avvenne vicino l’abitazione di Lagonigro. L’uomo era legato al clan Palermiti di Bari ed era attivo nell’attività di spaccio degli stupefacenti ad Altamura. La sua eliminazione si inserisce in una serie di altri gravi fatti di sangue orditi ai danni di vari pregiudicati altamurani di spessore da una consorteria criminale emergente,il clan Nuzzi.

Nella misura cautelare per omicidio volontario e detenzione e porto dell’arma utilizzata per l’omicidio è stata riconosciuta dal gip anche l’aggravante di mafia.

Il provvedimento è stato adottato a seguito di successivi e mirati accertamenti scaturiti  in seno all’indagine -operazione kairos – conclusa nella primavera del 2016 dal nucleo investigativo di Bari, che aveva già portato lo scorso gennaio all’esecuzione di 18 ordinanze di custodia cautelare (16 delle quali in carcere e 2 ai domiciliari). Tra gli arrestati figurano gli elementi apicali, diversi affiliati e alcuni fiancheggiatori del clan Nuzzi, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso armata, omicidio consumato e tentato, estorsione, detenzione e porto illegale di armi ed esplosivi, nonché di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

A confermare gli elementi delle indagini, le dichiarazioni di collaboratori di giustizia, che hanno consentito di accertare la sua partecipazione al gruppo di fuoco che ha commesso il duplice omicidio.

Oreste è stato catturato dai carabinieri nell’aeroporto di Bari, mentre sbarcava al rientro da un periodo di vacanza nella località turistica di Sharm El Sheikh.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui