Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Le meraviglie dei trulli hanno incantato l’Italia. Ieri sera, mercoledì 24 gennaio, Alberobello è stata protagonista in “Meraviglie – la penisola dei tesori”, il programma di Alberto Angela, in onda in prima serata su Rai Uno, dedicato ai siti Unesco d’Italia.

Nella prima parte della quarta e ultima puntata si è parlato molto di Alberobello. A proposito del paese dei trulli Angela ha sottolineato che in questo luogo “si percepisce che bellezza e storia si sono unite per creare una scenografia straordinaria”.

Nella sua passeggiata nel rione Monti Angela ha ripercorso la storia dei trulli, spiegandone le modalità di costruzione. “Quello che raccontano i trulli è la storia di comunità molto unite, con forti tradizioni. I trulli soprattutto sono il simbolo della capacità della gente di questo posto di essere sempre in armonia con il territorio riuscendo a costruire i propri insediamenti con il materiale della zona sfruttando in modo più armonico possibile risorse”.

Angela, inoltre, ha evidenziato la genialità dei trullari definendo i trulli come “lo splendido frutto dell’antica saggezza contadina, perché sono riusciti a coniugare vita e storia come solo in Italia poteva accadere”. Alberto Angela ha girato le scene dedicate ad Alberobello il 18 dicembre e nel suo viaggio tra le bellezze del paese dei trulli è stato accompagnato dall’assessore alla Cultura, Alessandra Turi.

“La puntata di Meraviglie è stata una grande emozione – dice il sindaco Michele Longo – e resterà nei nostri ricordi come un’altra importante pagina per Alberobello. Ringraziamo ancora una volta Alberto Angela, la Rai, la produzione e la redazione del programma per averci scelto tra i 12 siti Patrimonio dell’Umanità oggetto della trasmissione e siamo orgogliosi che sia stata più volte sottolineata la genialità dei nostri trullari e l’identità della nostra gente”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui