Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Il giorno 6 aprile 2018 alle ore 17 nel Centro servizi “Athanor”, in viale Caduti di Nassirya 55, si terrà un incontro dal titolo “La mediazione familiare: dal rispetto a te al rispetto di te”, introdotto e moderato dall’avvocato Daniela Pecorella e presieduto dall’avvocato Pasqua Lacatena, presidente dell’associazione RiCreaAzione e della dottoressa Federica Anzini Presidente dell’Aimef associazione Italiana Mediatori Familiari.

L’incontro si prefigge l’obiettivo di sensibilizzare gli operatori del settore e non sul tema della mediazione familiare quale possibilità che la coppia si dà di riuscire a separarsi in maniera pacifica attenuando dolorosi e inutili strascichi che possano nuocere alla coppia ed alla famiglia, legale nel quale i figli possono talvolta diventare ostaggi di una rabbia che non è riuscita a trasformarsi in possibilità di cambiamento.

Per questo la mediazione familiare, ha in sé una potenzialità deflattiva enorme perché, attraverso un percorso che prevede il riconoscimento delle responsabilità di ognuno, disinnesca la futura conflittualità che pretende di essere gestita e risolta solo da avvocati e magistrati, attraverso ricorsi giudiziari, sino ad arrivare all’assurdo di una violenza che può culminare in uno dei crimini più ripugnanti per la coscienza di un essere umano: l’uccisione della persona amata, divenuta ormai oggetto da distruggere e con lei i figli espressione di una relazione mortifera, come i recenti fatti di cronaca testimoniano.

Al termine dell’incontro seguirà “aperitivo” seguito dalla lettura di brani della scrittrice Anna Paola Lacatena, con la regia di Pasquale D’Attoma, e l’intervento degli attori Chiara Campanile, Daniela Ladisi e Michele Licino, con il patrocinio dell’associazione “In S’Cena”.

Per l’occasione sarà presentato il nuovo corso di formazione in mediazione familiare dell’associazione, con la responsabile dottoressa Tiziana Recchia.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui