Cabtutela.it
acipocket.it

Domani, venerdì 20 aprile, alle ore 18, nella sala Massari di Palazzo di Città, sarà presentato il volume “Il Genocidio Armeno 1915 nel pensiero degli intellettuali arabi siriani” di Nora Arissian, armena siriana di Damasco, ricercatrice e traduttrice, in questo caso scrittrice con l’obiettivo di offrire nuovi punti di vista sul genocidio armeno

Il libro, pubblicato dalla casa editrice Radici Future, è composto da testimonianze, raccolte da Damasco ad Aleppo, che aiutano a comprendere i motivi della strage e a ricostruire i piani della “soluzione finale” orditi dai turchi per l’eliminazione del popolo armeno.

A curare la pubblicazione Kegham J. Boloyan, armeno siriano di Aleppo, docente di lingua e traduzione araba all’Università del Salento.

All’incontro di domani, oltre al professor Boloyan, interverranno l’assessore alle Culture Silvio Maselli, il vicepresidente della cooperativa editoriale Radici Future Vito Antonio Loprieno, la poetessa Anna Santoliquido, Leonardo Lestingi dell’Istituto Superiore di Scienze religiose “San Sabino” di Bari, il rappresentante emerito della Comunità armena a Bari Rupen Timurian, e Cosma Cafueri del centro Hrand Nazariant.

La presentazione sarà accompagnata da momenti musicali affidati al mezzosoprano Tiziana Portoghese.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. che strana situazione… secondo un approfondita ricerca fatta in usa dalla commisione di Bush Senior, in anatolia 100 anni fa quelli che subirono un genocidio furono i curdi ed i turchi, come? vi chiederete, assieme alla Francia ed alla russia un esercito di 200 mila terroristi armeni hanno massacrato quasi 3,5 milioni di musulmani in Anatolia 100 anni fa, per punizione gli UFFICIALI TEDESCHI che controllavano l’esercito ottomano decisero di espellere questi armeni dall’anatolia, sono stati espulsi non massacrati, e comunque in questi giorni anche l’archivio di stato RUSSO ha smentito la tesi del genocidio armeno, e comunque l’archivio ottomano è aperto, si può consultare con un gruppo di studiosi di storia, LA COSA ANOMALA invece è che l’archivio storico in armenia non viene consultato ANZI è vietato accedere a tale archivio, molti studiosi di storia armeni si lamentano di questa anomalia, che crea il sospetto FORTE che la tesi del geonicidio armeno non è altro che una fandonia usata a fini politici…

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui