Accanto alla tradizionale degustazione dei vini e alle visite nei luoghi in cui viene prodotto, la nuova edizione di “Cantine Aperte”, in programma sabato e domenica, 26 e 27 maggio, propone un ricco programma di iniziative culturali, tra cui gli itinerari alla scoperta della storia e dei paesaggi circostanti, con soste in siti di interesse storico, archeologico e naturalistico.

Protagoniste della nuova edizione saranno più di 60 cantine socie del Movimento Turismo del Vino (Mtv) di Puglia che ha avviato una collaborazione con l’assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, per una “festa – è stato sottolineato oggi in conferenza stampa – che è anche un vero e proprio viaggio alla ricerca delle radici storiche del nostro territorio”. Sono intervenuti, tra gli altri, gli assessori regionali alla Cultura e all’Agricoltura, Loredana Capone e Leo Di Gioia, e la presidente di Mtv Puglia, Mariateresa Varvaglione.

“I vini pugliesi – ha detto Capone – hanno conquistato una posizione di tutto rilievo nel panorama italiano. La filiera dell’ agricoltura e quella del turismo sono interconnesse. In Italia, nel 2017 – ha sottolineato – secondo Isnart-Unioncamere le presenze motivate dal turismo enogastronomico sono state oltre 110 milioni, il doppio rispetto al 2016, e la loro spesa ha superato i 10 miliardi”. L’assessore ha anche sottolineato l’esito del rapporto di Trip Advisor, il “Summer Vacation Value 2018”, il quale svela che ci sono tre città pugliesi tra le prime dieci destinazioni estive più gettonate dai viaggiatori italiani per la prossima estate: in provincia di Lecce ci sono Ugento (secondo posto) e Porto Cesareo (settimo), e in provincia di Foggia c’è Vieste (ottavo posto).

“Cantine Aperte – ha rilevato Di Gioia – è un interessante e lungimirante evento che tiene insieme elementi peculiari della nostra regione, e che sono anche leve di sviluppo essenziali: cultura, cibo, paesaggio, tradizioni e, naturalmente, vino”. Cuore della manifestazione sarà come ogni anno la degustazione, con laboratori e mini-corsi dei sommelier dell’Ais Puglia. E sarà anche possibile raggiungere le cantine a bordo di uno degli ‘enobus’ con partenze da Bari, Trani e Lecce, disponibili solo su prenotazione

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here