Gli agenti della Polizia Ferroviaria in servizio di vigilanza nella stazione centrale di Bari hanno subito notato  una donna in lacrime nei pressi del piazzale Ovest, quasi rannicchiata a  terra. Hanno cominciato a parlarle e hanno scoperto che si trattava di
una giovane donna albanese, al nono mese di gravidanza, già madre di due figlie in tenera età, avute da una relazione con un italiano, che si trovava da poco  in Italia per cercare lavoro, in modo da contribuire ad aiutare la famiglia che viveva in Albania. Non avendo ancora trovato una sistemazione alloggiativa e lavorativa, era caduta in una profonda disperazione per il timore di dover partorire da un momento all’altro e non avere un riparo per lei e il nascituro.
Gli agenti, a questo punto, si sono adoperati immediatamente per trovare una soluzione, facendo dapprima accomodare la donna negli Uffici della Polizia Ferroviaria, dove le hanno offerto anche dei generi di conforto, e successivamente hanno allertato il Pronto Intervento Sociale del Comune di Bari, che, di lì a poco, ha preso in carico la giovane madre, collocandola in una Casa protetta di Gravina in Puglia.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here