Si chiude questa sera la IV edizione del “Ta.Tara.Tatà –  Bitonto Folk Festival”, l’unica manifestazione di musica e danza popolare in terra di Bari. Nel centro storico della cittadina barese ancora una volta sarà protagonista la musica popolare locale.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità

Molto ricco il programma dell’ultima serata. A partire dalle 17 nel Chiostro San Domenico è previsto uno stage gratuito di tamburello e tammorre. Dalle 18 apertura di stand gastronomici in Piazza Cattedrale e dei mercatini artigianali in Piazza Cavour. Alle 20 intrattenimento in Piazza Cattedrale con danze internazionali a cura di “ Gianni Labate”. Dalle 21 in Piazza Cattedrale concerto del gruppo “Uaragniaum” – Suoni della Murgia – con Luigi Bolognese e Maria Moramarco. Ospite della serata Pietro Balsamo. A seguire concerto del gruppo “Folkèmigra ” storie e musiche della Terra di Bari.

Il Festival, organizzato dall’associazione ‘Folkèmigra’ con il Comune di Bitonto per la ‘rete dei festival’, è diventato ormai un punto di riferimento per il territorio e non solo, espressione identificativa di una comunità della sua storia e dei suoi costumi, grazie alla musica popolare quale elemento aggregante di un’intera collettività. Bitonto, crocevia di culture e di popolazioni, vuole divulgare, preservare e tramandare il suo patrimonio e le sue radici in maniera attiva proprio attraverso questo festival che attraverso la musica popolare abbraccia secoli e secoli di civiltà del Mare Nostrum.

Il Festival, detto anche Ta.Tara.Tatà, acronimo di tammorre (tamburelli), tarantelle e tataranne (nonni, ossia gli avi che hanno tramandato simili tradizioni), ma anche figurazione musicale della tarantella, prevede inoltre workshop, seminari, concerti e stage su musica e danza popolareincentrati sull’enorme patrimonio demo-etno antropologico. L’obiettivo è ricreare una festa del passato ma in cui è possibile anche imparare a ballare o perfezionarsi in speciali sessioni avanzate.Un appuntamento tra musica, arte e buon cibo, imperdibile per gli appassionati di danze popolari ed  estimatori enogastronomici.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here