Chi sarà beccato a spostare i cassonetti dei rifiuti per fare spazio alla propria auto o moto riceverà una multa di 42 euro. Amiu e Comune scelgono la linea dura contro i vandali. Da ieri sera sono iniziate le operazioni di sostituzione di 700 bidoni in tutta la città, si è partiti dal rione Libertà.

“Abbiamo raccolto le sollecitazioni dei cittadini – commenta Sabino Persichella, direttore Amiu Puglia – che hanno più volte segnalato la presenza di cassonetti da sostituire nonché di cassonetti in posizione illegittima, ovvero sistemati su scivoli e strisce pedonali. La strategia è stata trovare definitiva soluzione alla problematica e per questo abbiamo fatto sì che il nuovo posizionamento fosse frutto sia di un’attività di analisi del territorio sia di uno studio sulla localizzazione dei cassonetti effettuata in ArcGis. I nuovi cassonetti, che sostituiscono quelli in “campo” da più di vent’anni e in molti casi non più funzionali, sono stati posizionati all’interno di stalli dedicati, così da evitare problemi alla circolazione stradale e pedonale. Chi dovesse spostarli per parcheggiare incorrerà in sanzioni amministrative. In totale, i cassonetti acquistati sono 700 e le aree interessate sono quelle per le quali, nell’immediato, non è previsto il passaggio al porta a porta, sia quelle più centrali che quelle più periferiche. La scelta di partire dal quartiere Libertà, condivisa e sollecitata dall’Amministrazione comunale, è legata alla volontà di intervenire nelle zone di Bari più complicate e meritevoli di ricevere segnali positivi e di attenzione”.

Solamente nel rione Libertà verranno sostituiti 200 cassonetti.

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

1 COMMENTO

  1. Ancora iniziative per la raccolta dei rifiuti per strada. Spesso molto costose, come la sostituzione dei cassonetti e la loro geolocalizzazione. Nessuna però per la riduzione drastica dei rifiuti stessi, come avviene già un molte parti d’Europa. Qui non ci proviamo nemmeno.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here