Nuovo giro di vite da parte del Dipartimento regionale Salute sulla spesa per i dispositivi medici. Questa volta, dopo le protesi ortopediche, l’intervento per eliminare sprechi riguarda le protesi cardiologiche: gli ospedali pugliesi, infatti, mediamente acquistano a prezzi ben superiori alla media italiana.

Qualche esempio: 129 euro per un dispositivo per l’angiografia cardiaca contro i 69 euro nel resto d’Italia; 156 euro per una guida vascolare periferica il cui prezzo d’acquisto medio è pari a 75 euro. Ogni anno la Regione Puglia spende sette milioni in più rispetto al budget fissato.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here