Bari, errori nella differenziata: arrivano nuovi bidoni e lucchetti per l’organico – VIDEO

Scontrini, carta da forno, stagnola. Ma perfino racchettoni e polistirolo. Sono solo alcuni degli errori più comuni compuiti dai cittadini baresi che nel gettare i rifiuti nel contenitore dell’organico. Il costo per la comunità? Oltre 600 mila euro all’anno.

Con una dimostrazione pratica questa mattina l’assessore all’Ambiente, Pietro Petruzzelli, ha illustrato le criticità relative alla raccolta con l’obiettivo di informare gli utenti. In alternativa il rischio è sanzioni e un aumento dei costi del procedimento. “Avevamo una media del 2 per cento di impurità dell’organico, invece nelle ultime settimane siamo saliti all’8 per cento”, ha commentato Petruzzelli.

L’organico è costituito da scarti alimentari e di cucina, facilmente biodegradabili. Comprende anche materiali derivanti da piante e giardino. Non possono essere considerati “organico” prodotti come cosmetici, saponi liquidi, fiori finti, spugne, assorbenti e pannolini, scontrini e medicinali scaduti. Si, invece, a tovaglioli di carta, contenitori sporchi delle pizze, residui di caffè.

Amiu provvederà a sostituire i bidoni malconci in città. Per il servizio porta a porta saranno installati bidoni col lucchetto esterno per impedire ai “migranti dei rifiuti” di intaccare la qualità della raccolta.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

4 COMMENTI

  1. Peccato che il volenteroso assessore Petruzzelli abbia perso un’altra buona occasione per dirci quanto costa complessivamente, discariche comprese, la raccolta dei rifiuti a Bari.
    Sappiamo ora che la mancata differenziazione dell’organico è costata 600 mila euro in più. Ma “in più” a cosa? Il mistero dei costi (nascosti) permane. La cifra può mettere paura?

  2. Petruzzelli non ci dà tutte le cifre, affinché possiamo capire bene la dimensione della spesa comunale per la raccolta rifiuti, ma solo quelle che fanno comodo a lui.

  3. Chi comunica a Petruzzelli i dati sull’impurita’ dell’organico? E come si ottengono questi dati? C’è qualcuno (chi?) che esamina l’organico dopo la raccolta? E con quali costi?
    Il mistero della raccolta rifiuti dopo le dichiarazioni di Petruzzelli si infittisce invece di chiarirsi.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here