lapugliativaccina.regione.puglia.it

C’è anche Avanzi Popolo 2.0, progetto barese contro lo spreco di cibo, tra le storie premiate nella seconda edizione del concorso “Storie di Economia Circolare”, indetto da Ecodom, il principale Consorzio italiano di gestione dei RAEE, insieme a CDCA, il primo Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali in Italia.

L’attività dell’Associazione è stata raccontata con un servizio radiofonico di Benedicta Pretorino dalle voci dei protagonisti: una rete di persone che lottano contro lo spreco alimentare a Bari, in particolare nei quartieri di Madonnella e Picone, raccogliendo, ogni settimana, tutte le eccedenze alimentari dei commercianti di quartiere per poi redistribuirle alle famiglie più in difficoltà. Nata nel 2014, ha recuperato 11000 kg di cibo, creando una rete che include 50 commercianti solidali e 38 enti no-profit. Mettendo al centro il recupero e la circolarità, Avanzi Popolo è attiva anche con una piattaforma digitale su cui è possibile scambiarsi il cibo gratuitamente e con un progetto educativo e laboratoriale nelle scuole.

Oltre ad Avanzi Popolo sono stati premiati anche i racconti di altre quattro realtà attive in Italia nel campo dell’economia circolare: BAG – Beyond Architecture Group (Roma), uno studio di architettura sostenibile; DAY (Roma), un laboratorio di giocattoli per bambini, realizzati partendo da pallet, vecchi armadi e battiscopa; Junker (Bologna), un’app per differenziare attraverso il codice a barre; MAIC, il Modello italiano di Allevamento di Insetti Commestibili.

 Quasi 12.000 utenti hanno partecipato alle votazioni on-line delle 81 opere presentate per questa seconda edizione. Al voto on-line ha poi fatto seguito il lavorodi una giuria di esperti del mondo dell’informazione e della cultura. Il Concorso è patrocinato dal Ministero dell’Ambiente. Le cinque opere vincitrici si divideranno un montepremi di oltre 15mila euro.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui