Cabtutela.it

Durante la cerimonia di consegna simbolica delle pergamene di laurea a 23 studenti laureati durante la quarantena, in rappresentanza ognuno del proprio dipartimento, è stato annunciato dal rettore Stefano Bronzini che da giovedì 9 luglio riapriranno le biblioteche con la capienza ridotta a un terzo.

“E’ sicuramente un passo in avanti importante – commenta Savino Ingannamorte, coordinatore di Link Bari – frutto dell’ascolto di istanze della comunità studentesca che come Sindacato Universitario abbiamo portato all’attenzione del Senato Accademico mediante petizioni online e richieste ufficiali. Sebbene al momento non sia ancora possibile il rientro al 100% continueremo a lavorare in quella direzione provando ad adibire anche le piazze ad aule studio all’aria aperta”.

“Non ci fermiamo qua: qualche giorno fa abbiamo formalizzato una richiesta indirizzata al Comune di Bari per costruire un progetto di ripensamento della città e degli spazi baresi che guardi ai luoghi della socialità anche e soprattutto in ottica studentesca. Abbiamo delle proposte per rendere Bari una città davvero universitaria e vogliamo sottoporle all’Amministrazione Comunale. Ora vogliamo un tavolo di discussione con il sindaco Decaro e con l’assessora alle politiche giovanili Romano per rendere concreta la costruzione di Università e Città del Futuro”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. È da irresponsabili riaprire le biblioteche universitarie. Non sussistono le condizioni necessarie di sicurezza in un momento in cui il governo sta prolungando lo stato di emergenza al 31 dicembre.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui