Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

«Vi chiedo scusa per ciò che ha fatto Antonio, anche se mi rendo conto che sia davvero poca cosa, rispetto alla terribile ferita che vi è stata inflitta». È un passaggio della lettera scritta da Rosalba Cavalera De Marco, la mamma di Antonio De Marco, l’assassino reo confesso di Daniele De Santis e Eleonora Manta, uccisi a coltellate a Lecce il 21 settembre, indirizzata alle mamme delle vittime. Il testo è stato letto durante la Vita in Diretta in onda su Rai 1.

«C’è sicuramente una ragione – scrive la donna – se il legame tra madre e figlio non si spezza mai. Forse per i nove mesi durante i quali te lo senti dentro, o per quel cordone che ancora lo lega a te quando viene alla luce, oppure per quel dolore forte e intenso, che soffri nel metterlo al mondo. Un dolore che non dimentichi e che a volte ritorna, così come è certamente ritornato in voi, mille e mille volte più forte e più atroce, così come si è ripresentato in me, anche se in misura non paragonabile con il vostro, quando ho appreso che era stato mio figlio a strappare anche i vostri cuori». «Vi chiedo ancora scusa per la mia presunzione – continua -, perché quando ho appreso del vostro dramma, ed ancora non sapevo che era stato causato da mio figlio, ho creduto di poter comprendere il vostro dolore di madri, ma non era così. Solo ora che anche io, sia pure in maniera differente, provo quella stessa sofferenza, posso essere davvero consapevole del vostro dolore e condividerlo dentro di me».


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Signora,madre del killer spietato di Lecce.lei ha generato,partorito un mostro.Satana in persona.lasci in pace le famiglie delle vittime e non si associ al loro dolore.solo un mostro informe e deforme poteva fare ciò. Questo diavolo se esce ne scanna ancora..lurido assassino!!!Lasci in pace le famiglie di quei poveri angioletti bravi,buoni,puliti,pieni di vita e di sogni.Abbia pietà x se stessa e non condivida le sue condizioni,non interessano a nessuno..La gente perbene vive su di un altro pianeta che certamente non è il suo.Se il mostro era strano fin da piccolo era suo compito è dovere di curarlo o vigilarlo .invece qui si è versato sangue e carne a brandelli su degli innocenti.Si ritiri e pensi a se stessa.

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui