Cabtutela.it
acipocket.it

Fastweb dona al Comune di Bari pc e monitor in favore delle scuole elementari, medie e dei servizi sociali cittadini. La donazione è stata approvata dal Comune di Bari.

Si tratta nello specifico di 201 computer e 404 monitor, provenienti dalla sede di Fastweb presente in città. Una buona notizia in vista del momento critico che moltissimi studenti di scuola elementare e media, oltre che lavoratori, stanno vivendo a causa della didattica a distanza e dello smart working.

 “Siamo grati a Fastweb per questa donazione –  ha commentato il vicesindaco e assessore all’Innovazione tecnologica Eugenio Di Sciascio – che in un momento segnato da molteplici criticità legate alla diffusione del virus e alla conseguente scelta, da parte di molte famiglie, dell’opzione didattica a distanza, consentirà alla nostra amministrazione da un lato di supportare i minori provenienti da contesti familiari in difficoltà economica, dall’altro di dotare alcuni presidi territoriali del welfare di strumentazioni informatiche da mettere a disposizione degli utenti. Nei prossimi giorni, d’intesa con le ripartizioni comunali interessate, procederemo ad una ricognizione puntuale dei bisogni rilevati per individuare le modalità di assegnazione e di ritiro di pc e monitor”.

Toccherà ora alla direzione generale del Comune il ruolo di definire, sia le modalità di ritiro dei beni, sia il piano distribuzione dei dispositivi informatici sulla base delle indicazioni fornite dalle ripartizioni Politiche educative e giovanili e Servizi alla persona. Le apparecchiature saranno così affidate in comodato gratuito in modo da consentirne l’uso ai minori per le attività formative a distanza, in conformità alla regolamentazione interna sull’uso dei dispositivi elettronici da parte dei ragazzi.

“Nel 2020 Fastweb ha rinnovato la sua attrezzatura informatica e ha deciso di donare computer desktop e monitor alle scuole del Comune di Bari – ha concluso Anna Lo Iacono, responsabile CSR di Fastweb – due le finalità: aiutare le scuole che hanno bisogno di nuove attrezzature e aiutare l’ambiente in un’ottica di economia circolare, dando nuova vita a strumenti che sono ancora in ottime condizioni di utilizzo. Siamo contenti che gli studenti di Bari possano apprendere competenze digitali utilizzando i nostri computer”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui