Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Fino al 30 aprile a Ruvo di Puglia gli studenti delle scuole delle seconde e terze medie e degli istituti superiori non potranno tornare in classe. Lo ha deciso il sindaco Pasquale Chieco con una nuova ordinanza che prevede ulteriori prescrizioni anti-Covid in vigore da domani.

Domani, infatti, la Puglia passerà in zona arancione e, per le scuole, è previsto che oltre alle lezioni in presenza per i bambini delle elementari e prima media, la possibilità di stare in aula venga estesa agli studenti più grandi (ferma restando la facoltà di scelta della didattica a distanza da parte delle famiglie stabilita dalla Regione). Con l’ordinanza il sindaco Chieco ha stabilito, invece, che «rimane sospesa l’attività didattica in presenza nelle classi seconde e terze delle scuole secondarie di primo grado ed in tutte le classi delle scuole secondarie di secondo grado, che si avvarranno in via esclusiva dell’insegnamento a distanza». La decisione deriva dalla situazione dell’epidemia, con 365 cittadini attualmente positivi e altri 255 in isolamento in attesa di tampone. Stando al report della Asl di Bari, inoltre, nell’ultima settimana di monitoraggio, a Ruvo di Puglia si registra un «elevato numero di nuovi contagi, con un tasso di variazione su 100 mila che è il più alto tra i comuni della città metropolitana», pari a 589,9 casi/100 mila e 147 nuovi positivi nei sette giorni, a fronte di una incidenza media nel resto della provincia di 239,4 (la soglia critica è di 250). Inoltre, l’analisi dei contagi evidenzia una «elevata incidenza, circa il 60%, in ambito intrafamiliare», che «ha consentito di concludere – si legge nell’ordinanza – che il comune di Ruvo di Puglia presenta uno scenario più preoccupante rispetto a quello regionale e metropolitano, con la conseguente necessità di adottare misure adeguate e proporzionali idonee a contenere i rischi potenziali per la salute pubblica».


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui